Nella stessa categoria ...

Categorie Blog

Archivio Blog

Ultimi Blog Commentati

Ultimi Commenti Inseriti

Add to Technorati Favorites

Contos e Poesias - Racconti e Poesie.

21 Giugno 2009 - Categoria Svago
Autore Paola Careddu

Recentemente, essendo stata invitata ad un concorso di poesia dialettale, ho scoperto che nella nostra amata isola sono nati, e ci vivono, moltissimi poeti e romanzieri di indubitabile bravura e alta sensibilità.

Sappiamo bene che nell'antichità gran parte dei componimenti, essendo sconosciuta la scrittura, venivano trasmessi oralmente ma oggi, che godiamo di strumenti di comunicazione che allora erano impensabili,   possiamo, attraverso questi, favorire la divulgazione e la valorizzazione di un importante patrimonio, cooperando fattivamente a non disperdere  il grande valore culturale che contiene.

Ora, poichè non tutti possono permettersi di investire ingenti quantità di denaro per stampare racconti o raccolte di poesie, ho pensato di creare questo blog che potrà diventare  uno splendido "volano di trasmissione", un'accogliente "sala di lettura", un "concorso infinito" senza vincitori.  

Contribuire è semplice, poichè basterà inserire i testi, scritti personalmente o da altri,  negli spazi solitamente destinati ai commenti.

Mi preme fare una piccola richiesta: essendo le varianti dialettali moltissime e la corrispondenza ai termini italiani altrettanto diversificata, per favorire la comprensione è indispensabile scrivere anche la traduzione.

72 Commenti per "Contos e Poesias - Racconti e Poesie."
Hanno commentato : Giuseppe (13) | Giuseppe Porcu (10) | paola (8) | Gesuina (8) | Mimma (7) | Ernesto (3) | benito (3) | rinà (3) | Mina (2) | rinalba (2) | rosanna (2) | Sardus Pater (2) | Capitano di lungo corso (2) | gianuario (1) | Rosanna Podda (1) | margherita (1) | Pippinu Mele (1) | Auser San Giovanni Suergiu (1) | Babbai (1) | Andrea c. (1) |
Pippinu Mele ha detto:
04 Agosto 2014 alle ore 11:26:55

Le poesie di Giuseppe Porcu sono nel mio cuore. Come appassionato e poeta dilettante esprimo tutta la mia ammirazione.

Pippinu Mele (1 commenti inseriti)
Rosanna Podda ha detto:
06 Agosto 2012 alle ore 00:19:24

Intenso

Intenso il turchese
sulla riga palpitante
che scrive il mare.
Fonde d'emozione
l'impossibile abbraccio
veleggia triste
la chiglia ignara
sull'impassibile tempo
che salva lembi intatti
d'azzurro mai sbiadito
amore ( ... )
Salpa silente
la zattera del cuore
dalle secche
gonfie d'attesa.
Arresa, alla gioia giunta
arde l'ora...accesa
dei ritorni.

Rosanna Podda

Rosanna Podda (1 commenti inseriti)
Andrea c. ha detto:
28 Marzo 2011 alle ore 21:46:53

In ritardo apprendo della scomparsa di Mario Melluso...

Ho avuto il piacere di conoscerti e di scambiare impressioni
sul mondo auser. Sono vicino ai famigliari ed agli amici auserini della campania per la mancanza dell'amico Mario ....

Andrea c. (22 commenti inseriti)
Auser San Giovanni Suergiu ha detto:
23 Marzo 2011 alle ore 18:25:05

Sinceramente dispiaciuti per la triste circostanza di lutto, per la grande perdita di Mario Melluso, Dirigente esemplare Auser. Siamo vicini nel dolore, alla famiglia e a tutte i volontari che collaboravano con lui. Porgiamo sentite condoglianze. Auser di San Giovanni Suergiu

Auser San Giovanni Suergiu (1 commenti inseriti)
Giuseppe ha detto:
23 Marzo 2011 alle ore 14:11:24

Leggo nelle News del nostro sito la notizia della scomparsa di Mario Melluso, dirigente nazionale Auser e per tanti anni Presidente dell'Auser Regionale Campania, Ero molto amico di Mario e questa notizia mi rende molto triste!

Giuseppe (704 commenti inseriti)
BENITO ha detto:
23 Marzo 2011 alle ore 02:44:13

BRAVìììììììììììììììììììììììììì ...
***************************************** BENITO

BENITO (8 commenti inseriti)
BENITO ha detto:
21 Novembre 2010 alle ore 23:29:18

SI FIA .. . . ....
--------------------------------------------------------
SI VIA BISTADU UNU FIORE ABBUTONADU

ABBERINDEMI LESTRU A S'AREA,

AJO CHERFIDU SA TERRA PROFUMARE

SI FIA BISTADU UN' ISTELLA IN SU CHELU

AJO CHERFIDU IN SA NOTTE FAGHER LUGHE,

ALEGRNDE A SU MUNDU SA SORTE.

SI FIA BISTADU UNU PUZONE IN S' AREA,

BOLENDE IN SU CHELU PROFUNDU,

AJO CHERFIDU CANTARE SA PAHE IN TOTTU SU MUNDU.

....."BUONANOTTE"................................" BENITO "

BENITO (8 commenti inseriti)
giuseppe porcu ha detto:
27 Ottobre 2010 alle ore 14:23:54

Sa pache
Praticanne sa nostra religione
comente unu veru cristianu:
"In signu 'e pche dazibos sa manu"
nat su priteru in donzi funzione.

Sa pache paret un'illusione
chi ma'in s'orizonte at a cumparrere
nemmanc'ischimus ite chere narrere
videnne gherras e distruzione.

Sa pache no esistit prus in locu
mabc'a s'internu 'e su matess'istatu
ca su munnu a s'imbess'est rivortatu
e tottue si videt fumu e focu.

Sa culumba bianca de Picassu
chi signales de pache deviat dare
comente cuminzat'at a volare
si truncat s'ala e che rughet a bassu.

Sa pache,sa cuncordia,s'amore,
non connoschet s'intrea umanitate,
sol'odiu,vendetta e crudeltate
sostituin donz'ateru valore.

Sintennen sos potentes de sa terra
minethare chin armas prus potentes
e chene gurpa sa povera zente
morit a mizas pro ater'in gherra.

Sos partitos no an prus ideale
son sempre in brias e a ispintones,
cheren rejone chene aer rejone
solu pro torracontu personale.

In famiglia son tottu disunitos,
su vrate ochiet su propriu vrate
e in sas iddas sa disamistate
pro pacu bene son sempr'in cunflittos.

Babbos chi ochien fizos e muzere
e mamas chi affocana sos fizos,
a nudda servin sos vonos cussizos
ca son de su diaulu in potere.

Jeo dimanno,pro chi tzertu reste,
sos c'aeddan de pache in custu munnu,
ch'ispieghene menzus craru e tunnu
pro ischire sa pache ite cos'este.
giuseppe porcu

giuseppe porcu (42 commenti inseriti)
giuseppe porcu ha detto:
27 Ottobre 2010 alle ore 14:17:20

Sa pache
Praticanne sa nostra religione
comente unu veru cristianu:
"In signu 'e pche dazibos sa manu"
nat su priteru in donzi funzione.

Sa pache paret un'illusione
chi ma'in s'orizonte at a cumparrere
nemmanc'ischimus ite chere narrere
videnne gherras e distruzione.

Sa pache no esistit prus in locu
mabc'a s'internu 'e su matess'istatu
ca su munnu a s'imbess'est rivortatu
e tottue si videt fumu e focu.

Sa culumba bianca de Picassu
chi signales de pache deviat dare
comente cuminzat'at a volare
si truncat s'ala e che rughet a bassu.

Sa pache,sa cuncordia,s'amore,
non connoschet s'intrea umanitate,
sol'odiu,vendetta e crudeltate
sostituin donz'ateru valore.

Sintennen sos potentes de sa terra
minethare chin armas prus potentes
e chene gurpa sa povera zente
morit a mizas pro ater'in gherra.

Sos partitos no an prus ideale
son sempre in brias e a ispintones,
cheren rejone chene aer rejone
solu pro torracontu personale.

In famiglia son tottu disunitos,
su vrate ochiet su propriu vrate
e in sas iddas sa disamistate
pro pacu bene son sempr'in cunflittos.

Babbos chi ochien fizos e muzere
e mamas chi affocana sos fizos,
a nudda servin sos vonos cussizos
ca son de su diaulu in potere.

Jeo dimanno,pro chi tzertu reste,
sos c'aeddan de pache in custu munnu,
ch'ispieghene menzus craru e tunnu
pro ischire sa pache ite cos'este.
giuseppe porcu

giuseppe porcu (42 commenti inseriti)
Gesuina ha detto:
04 Agosto 2010 alle ore 16:33:30

S’auser a Budoni sa presenza
Sos foresteris chi l’an’inpoltada
Intelligenteses fì zent’emigrada
Oje in Budoni an sa residenza
De volontariatu isperienza
In sin’insoro l’an’acumulada
S’esaminammus in d’ogni settore
S’isperienz’a su sou valore

Su primu elogiu a su presidente
C’a traghettadu su primu viaggiu
Chin calc’amigu chi tene presente
Lu mantenen attivu s’ingranaggiu
Dend’ una manu a chie e soferente
Chin’orgogliu ispirit’e coraggiu
Andend’incontro a chie a bisonzu
Jeo so unu chi so testimonzu

Cand’an fattu sa prima lotteria
E tando chi sa sigl’apo connotu
D’onzi pioniere a fattu motu
Tentende d’onzi modu d’onzi via
Chilchend’a l’ispiegare a tottu
D’onzunu cun sa sua fantasia
Duos biglietes jeo apo pagadu
E chin sa tessera man’associadu

Jeo ammiro sa ostra volontade
Ca vat’est chin sens’umanitariu
Tanta siglas’in su volontariu
Su ostru a diversa calidade
Chi at bisonz’est tratadu che frade
Est semper impignadu su diariu
Faghende tempus caldu o tempus friscu
Sighide s’orma de Santu Franziscu

Auguro a s’associazione
Fagher’una brillante carriera
Totu ganta sa popolazione
De custa sigla divente fiera
E dae s’altu un’ateru veglione
Regalade una noa primavera
Sol soferentes bezzo o giovanos
Intro un annu torren tottu sanos Giovanni Antoni Ventroni Giovanni Antonio (Budoni




Gesuina (18 commenti inseriti)
Mimma ha detto:
30 Luglio 2010 alle ore 22:50:18

Niente di tutto questo, caro Giuseppe Porcu. I nostri eroi sono rientrati sani e salvi, qualcuna/o con un po' di dissenteria, ma niente di grave. Ti invito, nel frattempo che il nostro leader Giuseppe ci metta a disposizione i/il video, di visitare la gallery del sito Auser, nel quale potrai visionare le prime foto inserite amorevolmente dalla cara, che tutti ci invidiano, eroina Vittoria. Spero, in base alla tua richiesta, d'essere stata eloquente. Ti saluto con affetto, Mimma.

P.S. Le foto sono, rigorosamente, da commentare!

Mimma (207 commenti inseriti)
Giuseppe Porcu ha detto:
30 Luglio 2010 alle ore 21:07:02

Mimma,tue chi ses semper informata
in poesia e contos importantes,
no apas novas de sos villeggiantes
c'an fat'in oriente sa thucata?.

Dae tempus notizias non s'ata
e su silenziu est preocupante;
m'aspettaia novas importantes
ma paret mancu tratza prus s'acata.

Ite est suzessu a cussas pessones
chi son partitos allegros e sanos
a visitare cussu continente?

o virmatos si son chin cussa zente
e sono diventatos indianos,
o che los at picatos su monsone?
Ciao

Giuseppe Porcu (42 commenti inseriti)
paola ha detto:
20 Luglio 2010 alle ore 02:33:49

Per Auser Oristano e Rosanna: SIETE GRANDI E MITICI! e la spiaggia di Torre Grande è talmente bella!!! Sono sicura che gli anziani che godranno della vostra generosità staranno benissimo e si divertiranno moltissimo. Tanti complimenti per la vostra intraprendenza, siete davvero bravi!

paola (722 commenti inseriti)
Rosanna ha detto:
16 Luglio 2010 alle ore 11:41:26

L'Auser di Oristano giovedì 22 luglio inizia il progetto "Vacanze Serene ". Con due pulmini e le auto dei volontari accompagniamo 45 utenti, età media 78 anni, al mare di Torre Grande, che dista dalla citta 9 km., presso la Villa Baldino, una struttura sul lungo mare messa a disposizione dal Comune di Oristano. Alle 8,30 li aspetta una buona colazione , alle 12,30 il pranzo, alle 17,00 la merenda e alle 19,30 si torna a casa. Così per 10 giorni e alla fine tutti chiedono di continuare le vacanze, ma in attesa ci sono altre 200 anziani che usufruiranno del servizio dal 22 agosto fino al 30 settembre.
Gli autisti sono già pronti con i mezzi e le cuoche hanno gìà predisposto il menù. Si mangia benissimo con un primo, secondo, frutta, dolce e caffè, la mattina colazione con latte, caffè , tè e biscotti e a merenda ci sono sempre le torte che le cuoche preparano con fantasia e tanto tanto amore. Il nostro progetto è molto impegnativo ma offrire agli anziani momenti di incontro e di scambio per contrastare i fenomeni di solitudine ci riempie di grandi energie e tanta tanta voglia di dare.

Rosanna (35 commenti inseriti)
benito ha detto:
16 Luglio 2010 alle ore 02:08:20

buona notte
sa poesia este drommende
la cantamusu crasamanzanu
como non andada
bene
rischio unu secchiu de abba dai
su balcone
...
ciu e bonanote..
benito

benito (8 commenti inseriti)
Mimma ha detto:
16 Giugno 2010 alle ore 20:09:01

A Giuseppe Porcu

Sa promissa fatta l’apo mantesa
in bidda tua so ennida a ti visitare,
pensaia de disturbare
ma cando t’apo idu idea m’asa fattu cambiare.

M’asa rezzidu cun tottu sos onore
no pensese però chi siada finida,
sa idda tua no totta l’apo ida
e cando bi torro faghimus furore.

De cosa serias amus faeddadu
e una sorpresa m’este puru capitada,
su maridu de Gigina Chere apo incontradu
cun issa, in su telefono, l'apo puru arrejonada.

Azzetta dae a mie como custu saludu sinzeru,
unu abbrazzu e una istrinta e manos
a nos bidere cun salude e sempre sanos.

Sopportatemi miei cari amici, ogni tanto mi vengono delle fisse, questa è la volta delle "poesie", se così possiamo chiamarle.
Ciao ciao




Mimma (207 commenti inseriti)
giuseppe porcu ha detto:
16 Giugno 2010 alle ore 07:47:12

A Mimma
Mimma s'S.O.S. c'as mannatu
disperata petinne aiut'a mie,
che in mar'in burrasca nott'e die
su signale no apo captatu.

Non so jeo su mastru abilitatu
pro t'insignare su sardu a iscrier,
si l'iscries,iscrielu gasie
comente dae mam'as imparatu.

Metas annos vivenn'in aterue
su sardu l'apo perditu in caminu
ammisturannelu chin s'italianu,

cherrer dae me aiutu est tottu vanu,
su ch'iscriet su sardu porcheddinu
credemi so prus jeo chi non tue.
ciao

giuseppe porcu (42 commenti inseriti)
giuseppe porcu ha detto:
16 Giugno 2010 alle ore 07:42:51

A Mimma
Mimma s'S.O.S. c'as mannatu
disperata petinne aiut'a mie,
che in mar'in burrasca nott'e die
su signale no apo captatu.

Non so jeo su mastru abilitatu
pro t'insignare su sardu a iscrier,
si l'iscries,iscrielu gasie
comente dae mam'as imparatu.

Metas annos vivenn'in aterue
su sardu l'apo perditu in caminu
ammisturannelu chin s'italianu,

cherrer dae me aiutu est tottu vanu,
su ch'iscriet su sardu porcheddinu
credemi so prus jeo chi non tue.
ciao

giuseppe porcu (42 commenti inseriti)
Mimma ha detto:
09 Giugno 2010 alle ore 21:53:28

M’è bennida sa olza de ischriere una poesia
in ottava rima bi chelzo proare,
gai de me Zuseppe si podet meravigliare
cando in su Blog leggede custa poesia mia.

Bi so ponzende tottu sa bona voluntade
ma no resesso a ischiere un versu,
su sardu dae su italianu este meda diversu
ca custha limba pro me este una novidade.

Tue ti lamenthasa ca de informatica no ischisi da inue l’intrare
normale pro chie no b’este abituadu,
ma deo chi so sarda unu rimediu no apo ancora chircadu
Zuseppe amigu meu benimi in azzudu
a ischriere su sardu faghemi mezzorare.

Como ti saludo cun tantu affettu
e de sa poesia mia appande rispettu!

Oltre l'italiano, ora esiste anche il sardo porcheddino. Ciao

Mimma (207 commenti inseriti)
Giuseppe Porcu ha detto:
13 Aprile 2010 alle ore 14:02:51

A Mimma

Mimma,comente in prosa in poesia
acatas semper justu s'argumentu,
mi declaras su tuo intendimentu
de mi acher visita in domo mia.

Narami canno,in cale tempus siat
chi t'assicuro mi rennes cuntentu,
e mi preparo ro s'avvenimentu
de istare carchi die in cumpanzia.

E faeddamus de vena poetica ,
de versos isortos e in rima
comente achet su veru poeta,

siat a taulinu o in diretta
important'est su sensu e-i s'istima
impar'a su rispettu de sa metrica.

Unu salutu caru retzi como
e cantu prim'a nos vider in domo.

Giuseppe Porcu

Giuseppe Porcu (42 commenti inseriti)
Mimma ha detto:
12 Aprile 2010 alle ore 17:04:31

A Giuseppe Porcu

Dae Figulinas ti chelzo mandare,
caru Zuseppe, caldu unu saludu
Ma una die enzo a ti visitare
Gai mi enisi in azzudu
Pro de poesias umpare chistionare.

Cun peraulas poveras ti chelzo cunfortare
ca mi parese omine de ripettare.
Su chi sese no ana bene cumpresu
E pro cussu caligunu ti ada puru offesu.

Cun affettu ti saludo como.
Omine sinzeru mi parese,
E ducasa aisetto dae domo
In bidda tua unu invitu comente fradese!

Mimma (207 commenti inseriti)
Gesuina ha detto:
09 Novembre 2009 alle ore 20:32:28

è da un pò che non vedo nessuno scritto, nessuna poesia.Questa poesia è per stimolare i sardi... Con questa capirete anche perchè preferisco scrivere in sardo. A nos vier cun salude

SA LIMBA SARDA

Cando su sardu a s’italianu i misciau
li navamus italianu porcheddinu
vorzis depimus narrer sardu molentinu
como chi su sardu este italianizzau

si m’afaccio su manzanu gara a bentu
e in sardu veru dè chistionare
non naro inciarare ma affacciare
apo isbagliau già su primu pensamentu

si naro de una cosa chi m’ad ispaventau
a sas amicas cun mene chiaccherande
so addinde galu ca so contulargiande
e poi depo narrer chi m’ada assustau

pro custu naro a chie chert intendere
siada issu sassaresu o cagliaritanu
naschiu siada in Nugoro o in Oristanu
chi sa limba nostra depimus difendere

cada unu de vidda sua sa chistionada
accà connoschere a minores e mannos
sia chistionande de allegrias o affannos
in manera chi non siada irmenticada

dimando iscusa si appo isbagliau
ca barant’annos manco dae Sardigna
e forzis de narrer custu non so digna
medas paragulas pur’eo appo irmenticau

ma si sa limba isbagliat bollu juro
non isbagliat zertu su coro l’assicuro

.

Gesuina (18 commenti inseriti)
Gesuina ha detto:
09 Novembre 2009 alle ore 20:32:22

è da un pò che non vedo nessuno scritto, nessuna poesia.Questa poesia è per stimolare i sardi... Con questa capirete anche perchè preferisco scrivere in sardo. A nos vier cun salude

SA LIMBA SARDA

Cando su sardu a s’italianu i misciau
li navamus italianu porcheddinu
vorzis depimus narrer sardu molentinu
como chi su sardu este italianizzau

si m’afaccio su manzanu gara a bentu
e in sardu veru dè chistionare
non naro inciarare ma affacciare
apo isbagliau già su primu pensamentu

si naro de una cosa chi m’ad ispaventau
a sas amicas cun mene chiaccherande
so addinde galu ca so contulargiande
e poi depo narrer chi m’ada assustau

pro custu naro a chie chert intendere
siada issu sassaresu o cagliaritanu
naschiu siada in Nugoro o in Oristanu
chi sa limba nostra depimus difendere

cada unu de vidda sua sa chistionada
accà connoschere a minores e mannos
sia chistionande de allegrias o affannos
in manera chi non siada irmenticada

dimando iscusa si appo isbagliau
ca barant’annos manco dae Sardigna
e forzis de narrer custu non so digna
medas paragulas pur’eo appo irmenticau

ma si sa limba isbagliat bollu juro
non isbagliat zertu su coro l’assicuro

.

Gesuina (18 commenti inseriti)
Gesuina ha detto:
12 Ottobre 2009 alle ore 20:19:53

voglio collegarmi a ciò che ha detto Ernesto (l'odio e l'invidia non allungano la vita) ecco cosa penso dell'invidia
Graminia,
chi creschet in su coro,
cancru,
chi mannicat su sentidu,
venenu,
chi curret in sas venas.
Torrande a nudda chie la possedit.

A nos vier cun salude Gesuina

Gesuina (18 commenti inseriti)
Ernesto ha detto:
24 Settembre 2009 alle ore 17:51:06

IL TEMPO. Una volpe, guardando la sua ombra al sorgere del sole, disse: “Oggi a pranzo mangerò un cammello.”
E trascorse l’intera mattina alla ricerca di un cammello. Ma a mezzogiorno vide nuovamente la sua ombra e disse: “Un topo mi basterà”.
I nostri giorni dunque si inclinano come un’ombra. L’uomo si affanna a misurare il tempo ed il tempo misura l’uomo. Cammino verso il tempo ed il tempo corre verso di me, mi accompagna ovunque e mi porta con se. Il tempo è clemente, è un vero amico, posso fargli segnare solo ore serene, posso scegliere il valore di un minuto, scegliere se viverlo nobilmente e in pace, scegliere di sognare quanto voglio, di amare, di socializzare, di lavorare, ma non si sfugge al tempo: l’eternità attende tutti, anche me.
Il tempo è maestro, infatti, fin dal primo giorno che l’uomo ha messo piede sulla terra, ha cominciato a insegnare che le guerre non portano benessere ma solamente lutti e distruzioni.
La domanda dunque non è com’è? La domanda è perché?
Perché ciò che non abbiamo capito in migliaia di anni, o meglio che se ci bastasse un topo nessuno più morirebbe di fame e, soprattutto, non morirebbe fuori dai confini, per ben comprenderlo adesso, non sarà sufficiente la nostra intelligenza ma ci vorrà nuovamente del tempo. Il tempo aspetterà come sempre, ma noi, lo abbiamo ancora questo tempo? Tutti hanno i loro tempi, i motorini hanno due tempi e anche le partite di calcio, i films anche tre, quattro tempi le vetture. L’uomo, invece, ha un solo tempo… non è vero quindi che non ne ha e può scegliere, inoltre, quanto deve durare: solamente l’odio e l’invidia non allungano la vita.

Ernesto (278 commenti inseriti)
Mimma ha detto:
23 Settembre 2009 alle ore 17:53:46

A Matteo Mureddu.

Pagas peraulas ti chelzo dedicare
ca sa vida in terra anzena asa devidu lassare.

Pro giughere paghe annados,
in dunu baule sezzisi torrados.

Mama senza consolu e affriggida ,
pianghede.
E narada:- Ma de abberu pro sa patria asa dadu sa vida?

No b’ada peraula chi la pode consolare,
ca su fizzu l' ana mortu chena piedade

Mimma (207 commenti inseriti)
Mina ha detto:
12 Settembre 2009 alle ore 16:09:19

Grazie a te Zuse', per averci dato la possibilità di scrivere ciò che non sempre si riesce a dire di persona. Viva il blog! Come sempre, per quanto mi riguarda, più che utili ed interessanti. Quindi ... ancora grazie!

Mina (9 commenti inseriti)
paola ha detto:
11 Settembre 2009 alle ore 07:40:51

Giuseppe, per me scrivere i commenti è un modo in più di contribuire ala "resistenza".
Come diceva Gramsci : "son partigiano, odio chi non parteggia. Odio gli indifferenti."
un abbraccio.

paola (722 commenti inseriti)
Giuseppe ha detto:
10 Settembre 2009 alle ore 21:54:30

Mina, Gianni Rodari è stato uno degli scrittori che ho quasi ... venerato! Di lui credevo di aver letto tutto ed ora scopro, per merito tuo, questa bellissima poesia! Grazie!

Giuseppe (704 commenti inseriti)
Mina ha detto:
10 Settembre 2009 alle ore 20:36:46

Il treno dell' emigrante

Non è grossa,
non è pesante
la valigia dell' emigrante...
C' è un po' di terra del mio villaggio,
per non restare solo in viaggio,
un vestito, un pane, un frutto,
e questo è tutto.
Ma il mio cuore no,
non l' ho portato:
nella valigia non c' è entrato.
troppa pena aveva a partire,
oltre il mare non vuole venire.
Lui resta, fedele come un cane,
nella terra che non mi da pane:
un piccolo campo, proprio lassù.
Ma il treno corre non si vede più.

Giovanni Rodari

Mina (9 commenti inseriti)
Giuseppe ha detto:
10 Settembre 2009 alle ore 07:59:04

Bellisima e significativa, Paola, la poesia, e ... complimenti ... per il tuo seicentesimo commento ai nostri BLOG!!!

Giuseppe (704 commenti inseriti)
paola ha detto:
10 Settembre 2009 alle ore 06:26:30

agli immigrati che hanno perso i loro figli nelle traversate

Ancora Isperas.

Ancora isetas e ancora isperas
chi torret e s’abelzat cussa gianna,
muda pregas, tremindedi che canna
cand’intendes sos passos arrivende.
Ma, chentza dolu sighin, caminende,
pro si peldere in ateras carrelas.

Chentza forza ti ruet in fiancos
sa manu ch’as pesadu pro aberrere,
e poi curres, cando chentza cherrere
intendes o arrivin arrejonos
cussos chi trazat su ’entu, cun sonos
de tristos puzones alibiancos.

A bortas pasas sola in sa cadrea,
cun sas manos in coa e, ninnende
e sa conca chi paret siat nende:
nono…nono! Proende a che catzare
dolore chi non podes bajulare,
e ti turmentat sa pessone intrea.

O giras chentza pasu ne consolu,
in fritos aposentos chentza lughe,
e tocas e carignas cussa rughe,
che Mama sua cando l’at piantu
e lu teniat, che tue, a bantu
cun orgogliosu amore e, oriolu.

Como cumprendes chi l’as bidu mortu
cando ti l’an batidu e postu in bratzos,
che murutulu fritu de istratzos
chi a cheja aìas giutu, tramunadu;
e como, como chi l’as interradu,
a Deu pregas, chi torret resortu.

Cun tegus prego, e chelzo pianghere,
ca nuddateru poto ne disponzo,
ma s’in sas manos Suas totu ponzo,
tand’ispero, chi nessi sas criaduras,
lasset fora da-e dolos e tristuras
e da ogni male las potat franghere.

Franco Piga (Romana ‘SS’)
bennalzu 2007

paola (722 commenti inseriti)
Capitano di lungo corso ha detto:
26 Agosto 2009 alle ore 11:31:23

Quella scritta prima è una canzone di Piero Marras

Capitano di lungo corso (31 commenti inseriti)
Capitano di lungo corso ha detto:
26 Agosto 2009 alle ore 11:29:39

CANTADE E BALLADE BOIS
Donzi abba curret a su mare
donzi logu a s’ammentu umpare
donzi populu a sa libertade
a sa libertade

Donzi tempus torrat a s’istoria
donzi identidade a sa memoria
donzi cara torrat a su coro
torrat a su coro

"Cantade e ballade bois
ca sos ballos sun sos bostros
cand’ana bennere sos nostros
amus a ballare nois"

At a fagher lughe su matessi
a bessire unu sole nessi
semper cras at a sighire a oe
a sighire a oe

Muda in chelu sa matessi luna
muda no’at a esser sa fortuna
donzi notte l’amus a ischidare
l’amus a ischidare

“Cantade e ballade bois
ca sos ballos sun sos bostros
cand’ana bennere sos nostros
amus a ballare nois”

Fizos de sa rocca e de su entu
fizos ch’est accanta su momentu
chi mustramus s’anima a cumone
s’anima a cumone

Mamas de lentoree de raschia
mamas de dolore e de allegria
app’a cherrer basos in sos chizos
basos in sos chizos

“Cantade e ballade bois
ca sos ballos sun sos bostros
cand’ana bennere sos nostros
amus a ballare nois”

CANTATE E BALLATE VOI

Tutte le cose vanno verso il mare
Ogni posto ha le sue tradizioni
ogni popolo aspira alla libertà
alla libertà

Ogni tempo appartiene alla storia
ogni identità alle sue radici
ogni volto ritorna al cuore
ritorna al cuore

“Cantate e ballate voi
che i balli sono i vostri
quando verranno i nostri
allora balleremo noi”

La luce tornerà comunque
almeno un sole sorgerà
il domani seguirà all’oggi
seguirà all’oggi

Ci sarà la stessa luna muta in cielo
ma non sarà muta la fortuna
la sveglieremo ogni notte
la sveglieremo

“Cantate e ballate voi……….”

Figli della roccia e del vento
figli, è arrivato il momento
di far venire fuori
il nostro comune sentire

Madri di rugiada e di tempesta
madri di dolore e di allegria
vi chiederò dei baci in fronte
baci in fronte

“Cantate e ballate voi
che i balli sono i vostri
quando verranno i nostri
allora balleremo noi

Capitano di lungo corso (31 commenti inseriti)
Giuseppe ha detto:
21 Agosto 2009 alle ore 14:14:31

Bello! La lista dei nostri "Presidenti/Poeti" ... si allunga ...

Giuseppe (704 commenti inseriti)
Ernesto ha detto:
20 Agosto 2009 alle ore 21:23:52

Sulla sovrana torre riposano i cannoni
Impronte di ressa ardono ai suoi bordi

Ecco il libeccio nero di orribili visioni
Spirar fredde ombre a rinnovar ricordi

Immagini di scempio dai volti dolorosi
Sublimi audaci spirti rivivono l’incanto

Muta i colori il cielo fra astri luminosi
Riposa il mare già triste di altro pianto

Riposano altre invidie riposano affanni
Riposano le passioni riposan nei dolori

Nati in giovinezza e gravano sugli anni
Ritornano a dar vita nuovi primi amori

Ernesto Valdes

Ernesto (278 commenti inseriti)
paola ha detto:
20 Agosto 2009 alle ore 08:24:29

Per Rinalba

La valle delle miniere.

Straziato il cuore,fugge lacerato,
solcato dall'aratro del dolore
che brilla riverso, sotto al sole d'oro.

Fantasmi di pietra scrutano
la mia anima, sospesa ad un attònito cielo
dall'azzurro respiro sconfinato.

In fondo nelle viscee
Madre terra custodisce
GelosamenteIl respiro dei Sardi minatori.

Trasàle ai miei passi
S’ammutolisce chiusa
Come cerbiatta sulla cucciolata.

Domenico Piras - ambulante orgolese

paola (722 commenti inseriti)
Giuseppe Porcu ha detto:
14 Agosto 2009 alle ore 07:22:38

Sardigna alluta in focu

Ventu mannu survanne a ambas manos
sas framas artu achiat artzare
ispinghennelas,cuntentu de aiutare
mal'intragnatos esseres istranos,

ponenne ocu a montes e pianos
mesu isol'in fum'an fat'annare.
Brujan fruttetos,buscos seculares,
animales e esseres umanos.

Ocannu an vene tessitu sas tramas
riduer tott'in carvon'e chisina,
e pro poter curare sa erita

sos aereos istutanneche sas framas
non teniana menzus meichina
che de b'ispargher supr'abba salita.

Ciao a tutti

Giuseppe Porcu (42 commenti inseriti)
rosanna ha detto:
13 Agosto 2009 alle ore 18:08:28

salve a tutti auguro un buon ferragosto a tutti

in particolare alla simpaticona PAOLA se si ricorda di me

un bacio ROSANNA

rosanna (35 commenti inseriti)
rinalba ha detto:
13 Agosto 2009 alle ore 16:57:15

Girovagando nel sito ,ho aperto la gallery, e ho visto le foto della inaugurazione della macchina AUSER di Trattalias;
BRAVI auserini ,bravo il Comune e tutti gli abitanti che hanno contribuito a raggiungere questo obiettivo.
Queste sono le cose che contano e che nei momenti di "mala luna" fanno ben sperare che tutti possiamo diventare attivi e realizzare il progetto di servizio previsto dall'Auser.
Ogni volta che una Ula riesce a crescere è una vittoria per tutti.
Auguri di buon lavoro a Trattalias .

rinalba (417 commenti inseriti)
margherita ha detto:
12 Agosto 2009 alle ore 20:11:52

La notte di San Lorenzo fra storia e leggenda
Come tutti i fenomeni naturali anche quello della notte di San Lorenzo cela una leggenda …
Era il 10 agosto del 258 d.C. quando Lorenzo, primo diacono della Chiesa di Roma, si rifiutò di consegnare al Prefetto i tesori a lui affidati dal Clero romano.
Il motivo di questo rifiuto consisteva nel fatto che aveva venduto quanto gli era stato affidato per aiutare i poveri poiché riteneva che tali ricchezze, finite nelle mani dell’Imperatore, sarebbero servite solo ad arricchire i nobili.
Al momento della riconsegna, Lorenzo prese con se tutti i poveri e gli ammalati di Roma e li condusse davanti al Prefetto dicendo:
” Ecco i tesori eterni che non diminuiscono mai e fruttano sempre, sparsi in tutti e dappertutto”.
Inutile dire che l’operato di Lorenzo non risultò gradito al Prefetto, il quale ordinò che gli venisse inferta una delle morti più crudeli possibili :il Santo fu posto su una graticola di ferro sotto la quale un fuoco dolce ma crudele nello stesso tempo consumò le sue carni facendolo morire in una lenta ed atroce agonia.
Si racconta che Lorenzo, protetto dall’amore di Dio, non sentisse affatto il dolore delle ustioni; anzi, ad un certo punto, disse :
“Giratemi, da questa parte sono arrostito” e poco prima di morire “Sono cotto a puntino, ora”.
La leggenda popolare, fa si che il martirio di questo Santo venga legato ad un fenomeno astronomico : ogni anno , infatti, il 10 o 12 agosto a causa della rotazione della terra, cadono le stelle che molti credono siano le lacrime di San Lorenzo !
Le stelle cadenti che vediamo in agosto vengono anche chiamate Perseadi poiché provengono da un punto nello spazio riconducibile ad una stella della costellazione di Perseo nell’emisfero boreale ai margini della Via Lattea.

margherita (1 commenti inseriti)
Gesuina ha detto:
12 Agosto 2009 alle ore 10:26:34

vorrei mandare un saluto e un grazie a tutti, quindi invio subito la traduzione ma in particolare grazie all'auser e chi per essa ci da la possibilità di esprimerci

Un saluto a chi come me è sardo
un altro a chi è napoletano
all'abruzzese veneto o romano
e all'auser un abbraccio caldo
a tutta questa bella compagnia
sotto il manto della poesia

sotto il suo immenso manto
si pongono i popoli cantando
sotto l'altare il devoto pregando
e gli innamorati vivon d'incanto
non c'è bandiera senza poesia
in qualsiasi parte del mondo essa sia

la poesia è univerale
la poesia unisce cuore e mente
popolo colto o ignorante gente
raccontando sia il bene che il male
e con questa povera ma genuina
grazie a tutti vi dice Gesuina

Gesuina (18 commenti inseriti)
gianuario ha detto:
10 Agosto 2009 alle ore 23:43:18

In vacanza o in città, sui monti o al lago, alzi la mano chi non è pronto a piazzarsi, naso in su, in un angolo il più possibile buio per osservare le stelle cadenti che illumineranno la notte di San Lorenzo,
Oggi si scruta il cielo nell'attesa di vedere cadere una stella ed esprimere un desiderio. Quest'anno il mio, è questo: "A zenthanni Auser!"

gianuario (1 commenti inseriti)
paola ha detto:
10 Agosto 2009 alle ore 20:49:46

FELICE NOTTE DI SAN LORENZO A TUTTI (per i desideri dorete rinviare a domani...)

10 Agosto (Giovanni Pascoli)

San Lorenzo, io lo so perché tanto
di stelle per l'aria tranquilla
arde e cade, perché si gran pianto
nel concavo cielo sfavilla.

--------------------------------------------------------------------

La tradizione le vuole screziare di luce il cielo della notte di San Lorenzo. Per ogni "stella cadente" avvistata consuetudine impone che si esprime un desiderio. Un tocco di poesia e fascino che la volta celeste ha sempre esercitato sugli uomini. Sono tanti i luoghi ed i posti che vengono scelti dalle persone che, in modo piu' poetico, elaborano la caduta delle stelle che scientificamente e' da imputarsi al passaggio all'interno dell'orbita visiva terrestre, degli asteroidi della costellazione Perseo (detti appunto Perseidi).
E proprio la' conviene volgere lo sguardo per avvistarne di piu', puntando verso Nord-Est, a meta' tra la costellazione di Cassiopea (a forma di W), e la brillante stella Mirfak di Perseo. In realta' la pioggia delle Perseidi si manifesta dalla fine di Luglio e prosegue fino al 20 Agosto. Il nome piu' popolare di "Lacrime di San Lorenzo", deriva dal fatto che nell'antichita' il momento del picco dello sciame, era collocato intorno al 10 Agosto, ma dicono gli esperti che per effetto della precessione degli equinozi, nel corso dei secoli l'evento si e' spostato in avanti di due giorni. Quindi la notte migliore per ammirare le stelle cadenti purche' lontano da luci e smog, sara' tra la notte dell'11 e il 12 Agosto, quando si potranno contare oltre cento meteore all'ora. Le previsioni scientifiche del Museo Astronomico del Planetario di Roma, fanno sapere che la visibilita' sara' ottimale anche nelle notti successive, specialmente dopo la mezzanotte quando la Luna sara' tramontata, lasciando il cielo piu' scuro e libero per l'apparizione delle scie piu' deboli.
La notte delle stelle cadenti si vuole appunto ricordare le lacrime versate da San Lorenzo durante il suo supplizio. Al martirio del Santo, dal III secolo sepolto nell'omonima basilica a Roma, e' legata la convizione di coloro che credono che le stelle cadenti che vagano eternamente nei cieli, scendono sulla terra solo il giorno in cui Lorenzo mori', creando un'atmosfera magica e piena di suspense, nel cogliere l'attimo per pronunciare la filastrocca: "Stella, mia bella stella, desidero che.....", ed aspettare cosi' la realizzazione dell'evento desiderato per tutto l'anno. (Luigi Allegretti))

paola (722 commenti inseriti)
Giuseppe ha detto:
08 Agosto 2009 alle ore 12:25:13

Bella meda ... Zusè !!! Meritada de a beru una bella mentzione!

Giuseppe (704 commenti inseriti)
Giuseppe Porcu ha detto:
08 Agosto 2009 alle ore 10:10:54

S'abba in donzi tempus

"Abb'a terra! Abb'a terra asos laores!
petat su massaju in sas areras,
abb'a terra1petian sos pastores
s'a tard'atonzu in craras sas aeras.

Chin sos ocros fissanne s'orizonte
si vidiana nue in movimentu
nessi de passera dae mare a monte
pro lis torrare s'animu cuntentu.

Sa zente lavoranne sa campagna
chi sanos alimentos produiat
a Deus e a Santos precaiat
in cuddos meses longos de sicagna.

M'ammento e no mi poto irmenticare
canno sica it sa terra in met'annatas
chene b'intrare punta de arvata
intraiat martu e gal'a cuminzare.

Canno proiat pur'a temporata
tzessaian tristuras e affanno
e s'abba in sa terra incanalata
non fachiat che como troppu dannos.

Su tempus est in peus cambiatu
e - si timet chi arrivet abb'a terra
chin cussa balla de "effettu serra"
paret nos apan s'aghera toscatu.

Domos b'an fraicatu in su terrinu
uve s'abba iscurriat car'a mare,
pro si torrar'a facher su caminu
che trazat domos chin sa zente impare.

Non s'intennet prus durches murmurios
de traineddos d'abba vrisca e sana,
sicanne si son puru sas untanas
c'achet iverros chi paren istios.

S'est veru cantu sos espertos narana
no isco vra cant'annos gal'a vennere
non bi det aer prus abb'a sustennere
si non chircan rimediu e riparana.

S'aberu mancat no est una brulla
den morres tottu de sitis e gana
sa die chi s'assutat sa untana
non binn'arrivat prus manch'in ampulla.
ciao a tutti premiata con menzione d'onore a Teti

Giuseppe Porcu (42 commenti inseriti)
Babbai ha detto:
03 Agosto 2009 alle ore 23:20:56

Sì, Rinalba, ... E' proprio così : "funti homines comente a tie ...!" In questi uomini ed in queste donne, ma anche bambini e vecchi, io vedo i nostri sardi che con le valige di cartone partivano per altri lidi e fuggivano da una situazione tragica di miseria. E vedo coloro che, a rischio della vita, oggi attraversano il mare con il miraggio di una vita migliore!
Erano e sono uomini come noi!

Babbai (22 commenti inseriti)
rinalba ha detto:
03 Agosto 2009 alle ore 23:03:40

Gesuina ,stupenda la tua poesia dolcissima !!!!
grazie.

Da una raccolta degli "Humaniora":
Omines comente a tie
Uomini come te
( testo di Antonio Strinna--musica di Massimo Fresu)

B'hat sempre calcunu
chi 'enit dae lontanu,
chi hat brincadu unu muru
e giughet sa vida in d'una manu.

B'hat pius de un'istoria
chi s'est salvada dae su mare
unica ricchesa restat sa memoria
ue poder ancora, ancora incominzare....

Sun òmines comente a tie,
nàschidos chissà inue;
òmines solos, bòlados che una nue,
chilchende unu manzanu acculzu a tie.
Est unu viaggiu de ànimas chena die,
pèldidas in sa notte.
Anima tristas, bestidas de malasolte
in gana de vida,una vida paris a sa tua.

no b'hada oghe de ispera
chi no insetted de sonniare,
ma b'hat solu una maniera:
sonniare cun sa gana, sa gana tua de amare.

Sun òmines comente a tie,
nàschidos chissà inue;
òmines solos,bòlados che una nue,
chilchende unu manzanu acculzu a tie.
Est unu viaggiu da animas chena die,
peldidas in sa notte,
ànimas tristas, bestidas de malasolte,
in gana de vida, una vida paris a sa tua.

C'è sempre qualcuno
che viene da lontano
che ha saltato un muro
e porta la vita in una mano.

Vi è più di una storia
che si è salvata dal mare
unica ricchezza resta la memoria
da cui poter nuovamente iniziare...

Sono uomini come te,
nati chissà dove;
uomini soli, volati come una nuvola,
cercando un mattino accanto a te.
E' un viaggio di anime senza giorno,
perdute nella notte.
Anime tristi vestite di malasorte
desiderose di vita, una vita come la tua.

non c'è voce di speranza
che non aspetti di sognare
ma c'è solo un modo:
sognare con il tuo desiderio di amore.....


Non è stupenda? Non so a chi abbiano voluto dedicare questo brano, gli autori, ma io vedo in questi uomini, tutte le persone costrette dalla sorte a lasciare le loro terre ....
Non dimentichiamo: sono uomini come noi !
Anche quando siamo tentati di lasciarci trascinare dai pregiudizi ......funti omines comente a tie..........

rinalba (417 commenti inseriti)
Sardus Pater ha detto:
03 Agosto 2009 alle ore 21:37:09

Gesuina! ... Ti abbraccio! la tua "A ninnia" mi ha commosso e mi ha fatto venire la pelle d'oca!
Hai guardato agli anziani con la stessa delicatezza d'animo che una madre rivolge ad un figlio piccolo.
Che bella!
Che delicatezza!
Che sensibilità!
Sardus Pater ti è riconoscente per la delicatezza di sentimenti che sei riuscita a trasmettere in .. versi sardi ...!

Sardus Pater (59 commenti inseriti)
gesuina ha detto:
03 Agosto 2009 alle ore 20:38:22

un anninnia cheria cantare
a chie juchet sos pilos biancos,
a chie acciaccaos e istancos
cheren solu sos ossos a pasare,
un'anninnia cena de amore
a s'anzianu de donzi colore.

prima desa ninnia su duru duru
chi appan galu ortza a lu ballare,
precamus chi non appan dies de iscuru
ma dies solianas de colare,
dies de sole e de galania
cantande a duru duru e a ninnia.

unu aduru duru un'anninnia
vi siat puru pro me a lu cantare,
cando appo a sighire a imbetzare
e viazzo pro s'urtima sonnia.
un'anninnia e a duru duru
vi siat chi lu cantet pro me puru.
a tottus cun salude Gesuina

gesuina (18 commenti inseriti)
paola ha detto:
13 Luglio 2009 alle ore 21:02:09

Ti tenzo in su coro (di Mirella Decortes)

In terra anzena, presonera de unu sole bagamundu
Ti canto paraulas de amore.
Calche cosa mi pranghet in s’anima
E m’istringhet su coro.
Mi paret d’intendere su mistrale, mere de s’area
E muscos de murta e de lidone.
S’istimo
Perdas e camineras antigas,
Domus poberas de atteras laccanas
Terra siccas chi pregais abba beneita de su chelu,
E chereis aradas e cherei erva e frores
Ispettami chi podes!
Malida de ispeddiu chistio in coro s’ammentu
De sa matricusa in beranu, anninniad’e su ‘entu.
Isula mia,
bistia de amargori e durcura,
mama, sorre, fiza
areste e dignitosa,
fatta de sole, de chelu e de bentu
ti cuo in su sentiu,
e prur si como est un’atera sa domo mia,
a tie incadenada, ti tenzo in su coro.
E ti canto paraulas de amore

Ti tengo nel cuore

In terra straniera, prigioniera di un sole vagabondo
Ti canto parole d’amore.
Qualche cosa mi piange nell’anima
E mi stringe il cuore.
Mi sembra di sentire il maestrale, padrone dell’aria
E profumi di mirto e di lentischio.
Rimpiango
Pietre e strade antiche
Povere case di altre confini
Terra arida che preghi acqua benedetta dal cielo
E desideri aratura e desideri erba e fiori
Aspettami se puoi!
Incattivita dalla ferita conservo nel cuore il ricordo
Della ginestra in primavera, cullata dal vento.
Isola mia
vestita di malinconia e dolcezza
Mamma, sorella, figlia
Selvaggia e dignitosa
Fatta di sole, di cielo e di vento
Ti nascondo nel sentimento
E anche se adesso è un’altra la mia casa
A te, incatenata, tengo nel cuore.
E ti canto parole d’amore

(dedicata, da me, a quanti, per fame o per amore, hanno dovuto emigrare o immigrare. IO SONO UN CLANDESTINO!)

paola (722 commenti inseriti)
rinà ha detto:
29 Giugno 2009 alle ore 21:46:39

PEttènu paule (di Mariatina Biggio / Calasetta)

'Ntu paize
du culure innocente
me tro"vu a votte
a risercò orbe e tramunti
e pettènu..pettènu paule
pe truvò u sensu.
Sutta a frange de regordi
se rivelan malvagitè
che nu han ciu" impurtansa
e teneresse che ancunme cumòvan.
'Ntu seccu dezertu dell'anima
sercu a trasparenza
dell'egua
nti mé pensieri
'nte oasi de serenitè
me tro"vu
a sercò bo"tti
de speranse.
Liberi zampillan sensa cusciensa
imprecise emussuìn, perchè
da questu tempu
o"giu ancun...
lasciò segni
'ntu duman.

Pettinando parole

nel paese
dal colore innocente
mi ritrovo a volte
a ricercare albe e tramonti
e pettino..pettino parole
per ritrovarne il senso.
Sotto frange di memorie
riscopro asprezze
che non hanno più significato
e tenerezze che ancora mi commuovono.
Nell'arido deserto dell'anima
cerco la trasparenza
dell'acqua
nei miei pensieri
e in oasi di serenità
mi ritrovo
a ricercare germogli
di speranze.
Liberi
zampillano incoscienti
indefiniti palpiti, perchè
da questo tempi
voglio ancora...
lasciare segni
nel domani.

Maria Tina Biggio è una splendida persona tabarkina, piena di sensibilità e amore per tutto ciò che la circonda.
I successi nei vari concorsi non l'hanno cambiata.
Alcuni suoi testi sono inseriti anche nella raccolta," Poesias canzoni e versi nelle varianti della lingua sarda "degli HUMANIORA .... ve le farò conoscere ...non credo che Tina se ne risentirà di questo scambio di pensieri....

rinà (11 commenti inseriti)
Gesuina ha detto:
28 Giugno 2009 alle ore 12:02:31

grazie dei commenti per la poesia sull'anziano anche se manco da quarant'anni dalla Sardegna (vivo in provincia di Brescia) io penso e quindi scrivo in sardo ma cercherò di tradurre la poesia in italiano (ma non è la stessa cosa)
L'anziano
mi las già nau
ma cando
non ricordo
tu non ricordi
perchè nel tuo cervello
qualche rotella non gira bene
ti accorgi di ripetere le cose
quando gli altri te lo fan notare
me lo hai già detto si melo hai già detto
due tre anche quatro volte
ma se lui un pochettino
si fosse ricordato di averlo detto
avrebbe subito l'umiliazione
di ripeterlo tante volte?
l'anziano si accorge di non contare più
quando non è lui che corregge
ma gli altri che correggono lui
ma fortunato l'anziano che non viene
solo corretto come un bambino
ma coccolato carezzato curato come un bambino
a nos vier cun salude Gesuina

Gesuina (18 commenti inseriti)
paola ha detto:
28 Giugno 2009 alle ore 07:11:06

Lassàe ki s’òmine kiettu
di Antonio Mura

Supra kusta terra m’isto
imbonìndemi i’ ss’arte dessa bida.
S’okru mi lampat
assa luke ’essu sole ki mi veri’
bbattìndemi alligria
de vormas sempe’ nobas e kolores;
ma timo ki si torret a iskidare
finzas in kustos oror dessu mundu
s’Orku ki mùrika’
ssu sàmbene luttàu dessar gherras
eremande sos ortos torra in frore
ube kurren pizzinnos,
erba ki kreske’ ddogàndesi su birde.
E ss’angùstia m’isàrboli’ ssa kara
e ssu sàmbene mi tremet i’ ssu koro
ke foza sikka i’ ssos àrborer d’attonzu
a kkada bolu d’àghera mòghia
pro una boke yubilada.
E bbois, sennores,
ki dazer boke e impèriu assos kannones
lassàe ki s’òmine kiettu
kusserve’ ssos okror de kando vi’ pizzinnu.

paola (722 commenti inseriti)
Giuseppe ha detto:
27 Giugno 2009 alle ore 18:51:16

Sì, caro Ernesto, è impossibile, come dice Mariolina, trovare un supermercato, anche grandissimo, dove poter acquistare 3 etti di infanzia. E tuttavia non possiamo fare a mano di ricercare il filo che riconduce la nostra esistenza al nostro passato.
Complimenti per la vostra bella iniziativa, che mi sembra possa costituire ... un supermercato virtuale, uno strumento per ritrovare (come dice Mariolina) ... l'innocenza, i sogni, i visi, i sassi, gli alberi che fecero compagnia... o, come dici tu, caro Ernesto, ... per accompagnare, attraverso immagini di vita quotidiana, il visitatore in un percorso che racconterà la storia del paese e per promuovere una occasione di incontro e di stimolo ai cittadini e dare slancio a nuove ricerche, a nuovi ricordi.

Giuseppe (704 commenti inseriti)
Ernesto ha detto:
27 Giugno 2009 alle ore 17:59:44

Complimenti a Giuseppe che ha valorizzato quel toccante scritto di Mariolina e complimenti alla nostra auserina.
Il 12 giugno 2009 è stata inaugurata nei locali Auser di Portoscuso una mostra fotografica storico-locale che resterà aperta sino al 15 di luglio dalle ore 18 alleore 20. Attraverso immagini di vita quotidiana il visitatore sarà accompagnato in un percorso che racconterà la storia del paese. Nostro intendimento è quello di promuovere una occasione di incontro e di stimolo ai cittadini e dare slancio a nuove ricerche, a nuovi ricordi. Tra le foto anche il 1° supermercato di Portoscuso e posso affermare che sono stati in molti a trovare la loro immmagine di bambini, la loro innocenza, i loro sogni, i loro visi e tutte quelle cose che fecero compagnia a Mariolina.

Ernesto (278 commenti inseriti)
Giuseppe ha detto:
27 Giugno 2009 alle ore 17:13:26

Bella, Gesuina, la tua poesia sull'anziano. Da buon sardo, io l'ho capita, credo, molto bene! Ma penso che non sarà altrettanto semplice per i numerosissimi visitatori del nostro sito di tante altre parti d'Italia e del mondo. Perchè non la traduci?

Giuseppe (704 commenti inseriti)
Gesuina ha detto:
27 Giugno 2009 alle ore 14:57:35

S'anzianu

Mi l'as gia nau
Ma cando
No ammento
Tue no ammentas
Ca in su cherveddu
Carchi rodedda non girat bene
T'abizas chi ripitis sas cosas
Ca sos ateros ti lu achene notare
Mi l'as gia nau,eja mi l'as gia nau
Duas ,tres peri battor vortas
Ma si isse unu pazzicheddu
aviada ammentau de lu aer nau
aviada subiu s'umiliazione
de lu ripitere tantas vortas?
S'anzianu s'abitzada de non balere cius
Canno no est issu chi curregede
Ma sos ateros chi curregene a issu
Ma biadu s'anzianu chi non benidit
Solu currettu che pitzinnu
Ma digau carignau e attenzionau
Che pitzinnu

Gesuina

Gesuina (18 commenti inseriti)
Mimma ha detto:
26 Giugno 2009 alle ore 22:07:52

Provo a dare delle indicazioni sulla variante linguistica del "sassarese".
La lingua sassarese/ Turritana è un idioma nato dalla commistione fra còrso, pisano e ligure e la successiva forte influenza del sardo logudorese.
E' parlato in una piccola ma popolata fascia della Sardegna nord-occidentale ed appartiene, unitamente al gallurese, al gruppo linguistico còrso-sardo.
Il sassarese è difficilmente ascrivibile ad un singolo gruppo linguistico in quanto ha subito notevoli influenze fonetiche, sintattiche e soprattutto lessicali dal sardo logudorese, ed è perciò classificabile tra il còrso e il sardo.
Il sassarese ha inoltre assimilato numerosi contributi catalani e spagnoli.

Mimma (207 commenti inseriti)
Giuseppe ha detto:
23 Giugno 2009 alle ore 18:46:15

Belle e struggenti , Rinalba, le poesie che ci comunichi, scritte, credo, in tabarchino.
Occorre dire (per chi non è sardo, ma anche per noi sardi che non abbiamo avuto l'occasione di approfondire questo argomento) che la lingua sarda è straordinariamente ricca anche perchè si articola in tante varianti linguistiche: una è quella, appunto, tabarchina, che trae origini da Genova, un'altra è quella catalana, che trae origini dalla Spagna, e poi il logudorese, il barbaricino, il gallurese, il campidanese, il sassarese, ... Spero di non dimenticarne altre ... Ma, sarebbe davvero molto interessante se qualcuno si volesse cimentare non solo comunicando versi, ma anche dandoci brevi indicazioni sulle caratteristiche della nostra lingua sarda ...

Giuseppe (704 commenti inseriti)
rinà ha detto:
23 Giugno 2009 alle ore 17:29:18

'NTA CA' AU Mo^ (di MARIA TINA BIGGIO )

Gh'azunzu a sciamma
du fo"gu
in ramun de figu
de in erbu
vegiu e stancu
fracassau dai venti.
Se stepellan i nu"vie
'ntu sè
cu nu l'ha
limpidessa de lu"xe.
E pario'
in giurnu unde
anche u co"
u l'ha u so centu,
ma meitè dell'anima
a va delungu a sercò
l'avertu"a di dexidei,
intantu u sùn ricunuscibile
de 'na campana, u l'aregorde
de aco"gge i pensieri da giurnò.
Se sere u sé
cu a no"tte ca l'asbasce,
'nte in raggiu de ambra e rubin
e a cà a divente
'na scorsa ca difende i dexidei,
sutta in spessu recamu
de stèlle.


NELLA CASA AL MARE

Aggiungo alla fiamma
del fuoco
un ramo di fico
di un albero
vecchio e stanco
sconquassato dai venti.
Si sfilacciano le nubi
in un cielo
che non ha
limpidezza di luce.
E sembra
un giorno in cui
anche il cuore
ha il suo pianto
ma metà dell'anima
va sempre a cercare
lo spiraglio dei sogni,
mentre il suono metallico
di una campana,ricorda raccoglimento e riflessione.
Il cielo si chiude
con la notte che discende,
in un raggio d'ambra e rubino
e la casa diventa
un guscio che difende i sogni
sotto un fitto ricamo
di stelle.

NB: le parole fogu, nuvie, co,luxe hanno sopra la o e la u una dieresi che io non trovo nella tastiera del pc e ho sostituito con due ".

E' bello questo spazio che mi da l'occasione di scoprire e riscoprire poesie e autori a me cari.....Grazie

rinà (11 commenti inseriti)
Giuseppe Porcu ha detto:
23 Giugno 2009 alle ore 08:06:58

Vido pro custu nov'isperimentu
in motu s'at ponenne zente meta,
frutt'issoro o de ateru poeta,
tottu nos servit de insegnamentu.

Comente si presentat su mamentu
si movet chitho ,a tardu no isetat,
battit su tastu e l'iscriet dereta
prima chi ch'essat fora 'e pessamentu.

E jeo puru dae parte mea
chin tottu sos difettos de su munnu
chirco de no istare indiferente,

no m'acato a disagiu si comente
pro chi non sia primu ne sicunnu
ca binn'at metas chin menzus idea.
Giusè traduci

Giuseppe Porcu (42 commenti inseriti)
rinà ha detto:
22 Giugno 2009 alle ore 21:08:07

di Gian Carlo Tusceri

Buffa u punenti
Buffa u punenti
mari di prua
vola a furtuna di tanta jenti
sicca i foddhi du ficu e di l'ua
parla di notti ai nosci turmenti
parla di notti
buffa u punenti
e volanu i zotti.

Soffia il ponente
Soffia il ponente
mare di prua
sfuma la fortuna di tanta gente
secca le foglie del fico e dell'uva
parla di notte ai nostri tormenti
ai nostri tormenti
parla di notte
soffia il ponente
e vola lo sterco secco delle vacche.
----------
Da tre giorni il nostro porto è offeso dalla furia del vento di ponente e dal sibilo degli alberi delle barche a vele; come gusci di noce le barche ondeggiano in una danza senza fine.
I pescatori fanno i conti dei danni....

rinà (11 commenti inseriti)
Mimma ha detto:
22 Giugno 2009 alle ore 18:50:38

ANNINNIA
Dromidi in paghe, pipiu meu,
paghe e fortuna tenzas de Deus,
paghe e fortuna, sa prenda mia,
bene e salude tenzas ebbia.
Chi non connoscas ite est affannu,
ne' a minore e ne' a mannu,
su ghi disizas tenzas a gosu,
sias onestu e virtuosu.
Bellu e istruidu chi sias puru,
e unu tribagliu tenzas seguru,
e sa natura in donzi lugu,
rispetta semper, non ponzes fogu.
De zente ona faghedi amigu,
ite est no iscas de emigrare,
e una bella pozas amare.
E chi ti formes una famiglia,
e bives semper a meraviglia,
e de s' amore tenzas consolu,
e mai passes un' ora 'e dolu.
Autore: Tonino Cau
( per la traduzione..... a voi )

Mimma (207 commenti inseriti)
paola ha detto:
22 Giugno 2009 alle ore 04:18:05

Grazie Giuseppuzzo e grazie infinite anche a Giuseppe Porcu per aver "aperto le danze" (carissimo, forza e coraggio! hai visto quanto è facile?) .
Pure io ho letto qualcosa di Giommaria Cherchi, ma oggi voglio farvi conoscere una piccola poesia che parla di un grande dolore, scritta da Giuseppina Puggioni Costa, anziana signora che è stata la vicina di casa più dolce e affettuosa che io abbia mai avuto, che mi chiedeva di batterle a macchina i testi che lei scriveva a mano.
Ho conosciuto così il suo dramma silenzioso di mamma "mancata" e desidero in questa occasione onorare la sua esistenza "tarpata":

Lu giogguru

Ninnendi un giogguru
cun drentu una pupia izzuffiadda
la beccia no' s'è abbizzadda
chi la giobentù è passadda
e drentu a chissu giogguru
cumenti vuria edda
crìadura viba no vi n'è
mai isthadda.

La culla

Dondolando una culla
con dentro una bambola spettinata
la vecchia non si è accorta
che la gioventù è passata
e dentro quella culla
come desiderava
creatura viva
non ce n'è mai stata

paola (722 commenti inseriti)
Giuseppe ha detto:
21 Giugno 2009 alle ore 19:23:27

Complimenti, Paoluccia carissima, per questo "Blog"!

Giuseppe (704 commenti inseriti)
Giuseppe ha detto:
21 Giugno 2009 alle ore 19:21:22

Non sono un poeta, non ho mai provato ad esserlo. Vi confesso che mi piacerebbe ... E ... chi sa ... forse ... più avanti ancora negli anni ...
Ma voglio segnalarvi questa poesia, di un amico e compagno carissimo -Giommaria Cherchi- che a me è sempre piaciuta moltissimo perchè mi ricorda molto la mia infanzia.
S'ora de sa chigula
S'erva a fine 'e maju
mudat se 'este 'irde cun sa groga
a fiore de papaule.
E curren a nidare
piseddos a s'isculza
prima chi sos puzones
si nd'etten dae sas alvures
proendesi in su 'olu.
S'acculziat sa messera
e benit luego s'ora de sa chigula
cun sonu de sarraccu
chi s'alziat dae tottue
-dae coro de su mundu in disisperu-
e nd'ammerat s'aera
chi paret su ticchirriu
chena pasu de sos chelos alluttos.

Giovanni Maria Cherchi
L'ora della cicala
L'erba a fine maggio
cambia la veste da verde in giallo
e fiori di papaveri.
Corrono a cercare nidi
bambini scalzi
prima che gli uccellini
si buttino giù dagli alberi
provando i primi voli.
S'avvicina il tempo delle messi
e viene così subito il tempo della cicala
con un suono di sega
che si alza ovunque
-dal cuore del mondo intristito-
e ne riempie l'aria circostante
e sembra un grido
senza pace dei cieli rabbuiati


Giuseppe (704 commenti inseriti)
Giuseppe Porcu ha detto:
21 Giugno 2009 alle ore 09:28:00

PER DARTI UNA MANO

L'Auser,assistenza alla persona,
non di lucro l'associazione
iscriviti e fai opera buona
regalare sorrisi a profusione.

Tempo e una carezza tu gli dona
con il cuore e l'educazione
abbiamo una coscenza che ci sporna
giovani o anziani in pensione.

Siamo arrivati al duemila in sella
mi pare un ronzino un po smagrito
speriamo la mandi buona Dio,

cerchiamo star sani e vita bella
in questa panca non manca l'apetito.
Pace,salute è l'augurio mio.

Poesia speditami da Giuseppe Delogu di Orune residente a Santa Maria al Monte PI

Giuseppe Porcu (42 commenti inseriti)
Lascia il tuo Commento
Attenzione : tutti i campi contrassegnati con il simbolo (*) sono obbligatori.
Nome (*)
Email

Commento (*)

Anteprima del commento