Nella stessa categoria ...

Categorie Blog

Archivio Blog

Ultimi Blog Commentati

Ultimi Commenti Inseriti

Add to Technorati Favorites

Diario di viaggio 4 (Ultimo episodio): Lago INLE e Roccia d'oro

19 Luglio 2009 - Categoria Società
Autore Giuseppe

 IL LAGO INLE – Lungo 22 Km e largo 11, il lago Inle si trova a 875 metri sul livello del mare.E' di incomparabile bellezza. Lungo le sue sponde ci sono molti villaggi costruiti su palafitte. I suoi abitanti vivono di pesca e della coltivazione di ortaggi, fiori e frutta, coltivati su orti galleggianti, fissati al fondo del lago con pali di bambù.

LA ROCCIA D'ORO – Si tratta di un masso enorme rivestito di lamine d'oro, posto in bilico sull'orlo di un dirupo in cima al monte Kyaikto. Il masso sembra sfidare la legge di gravità. Secondo la leggenda il masso mantiene il suo equilibrio grazie ad un capello di Buddha, collocato in un luogo ben preciso dello Stupa. La Roccia d'oro è una meta importante di pellegrinaggio dei Birmani buddhisti.

15 Commenti per "Diario di viaggio 4 (Ultimo episodio): Lago INLE e Roccia d'oro"
Hanno commentato : Mimma (4) | Fabrizio (3) | rinalba (2) | anna.p (2) | Giuseppe (2) | paola (1) | vittoria (1) |
Mimma ha detto:
27 Luglio 2009 alle ore 23:06:56

Ciao Fabrizio e ... forza Roma ... ;)

Mimma (207 commenti inseriti)
rinalba ha detto:
27 Luglio 2009 alle ore 13:05:43

Ciao Fabrizio.
A conferma di quanto dici ,io sono una persona che usa l'espressione" continente" ,per indicare l'Italia ,fin dai tempi della scuola elementare per distinguere una situzione geografica differente dalla nostra.
Sapevi che i carlofortini pur abitando nell'isola appartenente a tutti gli effetti alla regione Sardegna, quando si spostavano verso Cagliari dicevano : "andiamo in Sardegna?"
E contemporaneamente non dicevano ( e non dicono) sono sardo ma "sono dell'isola" per indicare la loro provenienza dall'isola i Carloforte....
L'appartenenza è una delle "doti" imprescindibili di ogni individuo ed è un grosso peccato che invece,specialente noi italiani stiamo sostituendo la nostra lingua con idiomi che niente hanno a che fare con la nostra parlata compresi i nostri meravigliosi dialetti......

La piaga degi incendi è il nostro dramma perchè distrugge boschi che hanno impiegato una vita per crescere, pascoli , case e vite umane.
Ciao Rinalba

rinalba (417 commenti inseriti)
Fabrizio ha detto:
27 Luglio 2009 alle ore 12:35:41

Ciao Mimma! La curiosità è una virtù che adoro: quindi no problem! Beh, voi mi insegnate che in Sardegna spesso dicono (o forse, dicevano) "continente" per riferirsi semplicemente alla penisola italiana. E la cosa mi faceva sorridere, così ogni tanto la uso anch'io per scherzare. :) Ma lo faccio con il più assoluto rispetto per le tradizioni che, per fortuna, in Italia ce ne sono di così diverse da regione a regione.
Piuttosto cambio drasticamente discorso per farvi i migliori auguri in questi giorni: ho visto delle immagini orribili circa gli incendi... E' veramente un peccato! Ciao, Fabrizio (da Roma)

Fabrizio (8 commenti inseriti)
Fabrizio ha detto:
27 Luglio 2009 alle ore 12:03:35

Ciao Mimma! La curiosità è una virtù che adoro: quindi no problem! Beh, voi mi insegnate che in Sardegna spesso dicono (o forse, dicevano) "continente" per riferirsi semplicemente alla penisola italiana. E la cosa mi faceva sorridere, così ogni tanto la uso anch'io per scherzare. :) Ma lo faccio con il più assoluto rispetto per le tradizioni che, per fortuna, in Italia ce ne sono di così diverse da regione a regione.
Piuttosto cambio drasticamente discorso per farvi i migliori auguri in questi giorni: ho visto delle immagini orribili circa gli incendi... E' veramente un peccato! Ciao, Fabrizio (da Roma)

Fabrizio (8 commenti inseriti)
Mimma ha detto:
25 Luglio 2009 alle ore 16:52:12

Cioa Anna, ebbene si lo ammetto sono appassionatamente curiosa ... ;-)

Mimma (207 commenti inseriti)
Giuseppe ha detto:
25 Luglio 2009 alle ore 14:28:28

Io so " da dove" ... ma aspetto che sia Fabrizio (che ringrazio) a dirlo!

Giuseppe (704 commenti inseriti)
anna.p ha detto:
25 Luglio 2009 alle ore 09:42:21

mimma curiosona............

anna.p (33 commenti inseriti)
Mimma ha detto:
24 Luglio 2009 alle ore 23:30:29

Ciao Fabrizio, mi presento, sono Mimma volontaria, orgogliosissima, AUSER.
Scusa la mia curiosità, posso sapere il " Continente " dal quale ci saluti?

Mimma (207 commenti inseriti)
anna.p ha detto:
23 Luglio 2009 alle ore 22:08:36

grazie ancora dei diari del meraviglioso viaggio,al prossimo viaggio tanto so' che non tarderà.

anna.p (33 commenti inseriti)
Fabrizio ha detto:
23 Luglio 2009 alle ore 15:11:23

Carissimo Giuseppe è veramente encomiabile l'impegno che ci metti nel condividere queste belle esperienze. E permettimi di sorprendermi 'amichevolmente' anche della sensibilità con cui ti seguono i tuoi amici e amiche che commentano le varie notizie. Avete creato davvero un piccolo gioiello, con questo blog, ma soprattutto con il vostro 'stare insieme'. Vi saluto dal Continente con tanta tanta fraterna invidia e ammirazione! :)

Fabrizio (8 commenti inseriti)
vittoria ha detto:
21 Luglio 2009 alle ore 17:07:40

Grazie, per aver dedicato a tutte le persone che per motivi di lavoro, di età o salute non hanno potuto condividere la bellezza e l’armonia degli incantevoli luoghi di Myanmar.

vittoria (106 commenti inseriti)
Giuseppe ha detto:
21 Luglio 2009 alle ore 08:45:57

Grazie a tutti voi per i complimenti. Lo sapete, inserisco queste notizie per il piacere di condividere con tutti voi delle esperienze, che sono bellissime dal punto di vista personale,ma allo stesso tempo molto interessanti e, pertanto, utili. Scopriamo in questo modo che viviamo in un mondo meraviglioso, che spesso noi,in nome di un malinteso concetto di modernità, roviniamo. Scopriamo anche che questo nostro mondo in realtà non è altro che un "villaggio", dove puoi scoprire valori, che risultano universali, e aspetti culturali che stranamente si rassomigliano.
Scopri anche che altrove ,come in Myanmar, esiste una dittatura feroce ed inaccettabile,ma anche che da noi, sebbene in forma strisciante, molte libertà sono limitate.

Giuseppe (704 commenti inseriti)
paola ha detto:
21 Luglio 2009 alle ore 05:30:24

La "Roccia d'oro" dimostra che:
1) in Birmania la "legge di gravità" si altera;
2) che "l'impossibile" è "possibile" e che quello che crediamo "assoluto" in realtà è "relativo".

Bello il filmato, divertenti "le minacce" di Silvana, commoventi le indigene coi costumi tradizionali sedute sull'uscio di casa, che, per scacciare la noia, fanno gomitoli di filo, come tante altre donne di tutto il mondo (che così diventa "paese").
E adesso, stimolata da quelle signore, vado a documentari sulla tessitura in Birmania.
Scommettiamo che trovo una marea di attinenze con quella sarda?
Baci a tutti, uno in più a Rinalba e Rosanna (e pure un abbraccio).

paola (722 commenti inseriti)
rinalba ha detto:
20 Luglio 2009 alle ore 18:20:43

Giuseppe, GRAZIE è veramente un posto meravglioso dove la vita sembra scorrere lentamente e serenamente, come le barchette spinte con quei giochi di prestigio dei piedi....
Cosa si prova, dopo un viaggio in quei paesi, a rimettersi in gioco nei gironi infernali delle nostre città?

rinalba (417 commenti inseriti)
Mimma ha detto:
20 Luglio 2009 alle ore 00:03:54

Il lago è molto pittoresco, deve essere di una bellezza sorprendente, dalle placide acque e da splendidi orti galleggianti. Curioso il modo di spingere le imbarcazioni utilizzato dai pescatori.
Peccato che la Roccia d'Oro non si veda bene a causa della nebbia, sembra quasi impossibile che un enorme masso stia prodigiosamente in bilico sul bordo della parete rocciosa.

Grazie ancora per i tuoi filmati e complimenti a tutta la compagnia

Mimma (207 commenti inseriti)
Lascia il tuo Commento
Attenzione : tutti i campi contrassegnati con il simbolo (*) sono obbligatori.
Nome (*)
Email

Commento (*)

Anteprima del commento