Nella stessa categoria ...

Categorie Blog

Archivio Blog

Ultimi Blog Commentati

Ultimi Commenti Inseriti

Add to Technorati Favorites

Riflessioni sul Cammino di Santiago

24 Luglio 2010 - Categoria Auser
Autore dominigusoza

Talvolta dimentichiamo che la vita ha due bordi. Nasciamo e la corrente della vita ci porta inevitabilmente alla morte. Anche il Cammino ha due bordi ,l'inizio e la fine,il dentro e il fuori,la realta' e l'irrealtà,che spesso si mescolano.Materia e spirito vanno insieme. Dice il poeta che il Cammino si fa andando. Non esiste un Cammino uguale per tutti. Esiste il Cammino fatto con le nostre orme,che,una volta impresse,segnano il nostro passato,che non potremo più modificare. Il Cammino è ,in realtà , il nostro cammino,passo dopo passo,caratterizzato dalla nostra soggettività. Il Cammino va diritto,serpeggia,sale ,scende,guada fiumi,attraversa ponti,si fa facile o difficile,ha le sue pause,i suoi incontri con persone diverse,con le loro storie , che diventano la tua storia. Io non sono un "pellegrino". Mi definisco ,piuttosto un camminante curioso,che osserva quel mondo pieno di racconti,antichi e nuovi che si ritrova ,poi,a provare sentimenti semplici ed essenziali che ritmano la vita di ogni giorno ,con l'alzarsi all'alba,vestirsi,infilare gli scarponi,prendere lo zaino in spalla ed iniziare a camminare,bere un sorso di acqua fresca ad una fonte,mangiare quando sei stanco ed hai fame,fermarsi a meditare all'ombra di una silenziosa navata,fare amicizia con chi fa la tua stessa strada. Ma lo zaino pesa. E' una sensazione costante che non puoi dimenticare. Dovrebbe pesare non più de 10% del tuo peso, che supera invece abbondantemente. E' come il peso degli impegni che prendimo durante la vita. I Cammino,in realtà,anche se percorri tanti chilometri ,non ti porta da nessuna parte. Forse ti avvicina più a te stesso,mantenendo comunque la direzione scelta, verso lo scopo e quel luogo dove l'odio e l'idifferenza lasciano il posto alla fratellanza.
4 Commenti per "Riflessioni sul Cammino di Santiago"
Hanno commentato : Anna P. (1) | Mimma (1) | pilar da nuoro (1) | maurizio (1) |
maurizio ha detto:
09 Gennaio 2013 alle ore 17:50:15

Ciao a tutti io ho affrontato il cammino nel maggio 2012 da sj pied de port a muxia per poi ritornare a Sarria per lavorare un mese in una locanda italiana che si trova in cammino, e di seguito ripartire da Lisbona per poi tornare a Santiago. Un esperienza che mi ha lasciato dentro un segno indelebile.Tutti gli incontri,l'altruismo,l'umanità immensa di questi lunghi 4 mesi rieccheggia nella mia anima.Certo ora tornare alla vita odierna è come morire ma tanto quest'anno ci ritornerò assolutamente, un'abbraccio pellegrini

maurizio (1 commenti inseriti)
pilar da nuoro ha detto:
27 Luglio 2010 alle ore 15:06:51

essendo spagnola,nn posso che dirvi che il cammino d santiago tra miti e leggende e' una delle poche cose che mi atraggono di piu',tra studi e articoli di questo cammino che da secoli fanno,penso che sia un'esperienza unica nel genere ,solo chi e' stato puo' capire... .la mia nonna che abitava toledo mi raccontava le antiche storie sul famoso cammino,cosi' diventata adulta ho deciso che avrei fatto anchio il percorso,nel 2008 in compagnia di un'amico che mi ha fatto da guida sono partita...e da allora ogni anno c torno! consiglio a tt di farlo almeno una v0lta nella vita,lascia il segno...

pilar da nuoro (1 commenti inseriti)
Mimma ha detto:
26 Luglio 2010 alle ore 23:04:09

Il Cammino di Santiago è un percorso storico e religioso. Nei secoli, il cammino, è stato percorso da milioni di persone, le motivazioni sono molteplici e non solo di carattere religioso.

Le foto che hai inserito nel nostro sito, caro Domenico,
rispecchiano le emozioni che il cammino ti ha regalato. Tutto questo ha un fascino particolare: le giornate sono scandite dal sorgere del sole, dalla fatica, dalla sofferenza patita sul proprio corpo, dai paesaggi affascinanti e maestosi, dalla accoglienza fraterna che trovi in quei luoghi di pace, ma permette soprattutto di uscire da una vita che spesso ci viene imposta. E' un piacevole distacco dal consumismo, dagli eccessi quotidiani, dei quali ci circondiamo nella vita di tutti i giorni...
Mi rendo conto e mi accarezza sempre più, l'idea di riuscire a trovare, avere la fortuna e la possibilità di poter vivere anche io un momento di "distacco" da questa società. E' un modo per ritrovare la propria serenità ...

Mimma (207 commenti inseriti)
Anna P. ha detto:
26 Luglio 2010 alle ore 09:08:34

caro Dominigu penso che un'esperienza del genere cambi un po' la vita di tutti, grazie di aver condiviso con noi la tua esperienza a presto:

Anna P. (52 commenti inseriti)
Lascia il tuo Commento
Attenzione : tutti i campi contrassegnati con il simbolo (*) sono obbligatori.
Nome (*)
Email

Commento (*)

Anteprima del commento