Nella stessa categoria ...

Categorie Blog

Archivio Blog

Ultimi Blog Commentati

Ultimi Commenti Inseriti

Add to Technorati Favorites

AUNG SAN SUU KYI .... LIBERA!

13 Novembre 2010 - Categoria Società
Autore Giuseppe

Rangoon, liberata Aung San Suu Kyi (La Repubblica) Dopo sette anni è stata rilasciata la leader del movimento per la democrazia birmana. "Dobbiamo lavorare all'unisono per raggiungere il nostro obiettivo", ha detto alla folla fuori la sua abitazione. La notizia accolta con soddisfazione ...dalle cancellerie occidentali. Obama: "E' stata liberata un'eroina" La leader Aung San Suu Kyi saluta la folla dal cancello della sua abitazione subito dopo la liberazione RANGOON - E' libera. Dopo vent'anni di lotta e di arresti, di parole e silenzi obbligati e dopo gli ultimi sette anni di reclusione, la premio Nobel per la pace birmana Aung San Suu Kyi è stata rilasciata. Oggi alcuni ufficiali del governo sono arrivati nella casa dove ha passato gli ultimi 18 mesi della sua detenzione per notificarle la comunicazione del rilascio. La polizia ha spostato le barriere davanti alla casa. E lei è uscita all'aria, piccola, esile, con una maglietta rosa e un fazzoletto appallottolato tra le mani. Ha messo un fiore tra i capelli e restando dietro il cancello, ha salutato la folla in festa. In migliaia l'aspettavano sotto il sole tropicale da ieri, perché l'ora del rilascio non era sicura. Aspettavano di vedere Aung San Suu Kyi apparire ai cancelli. Di vederla fuori dalle mura di una casa che per tutti era solo un'altra prigione. Poi oggi finalmente la conferma. L'avvocato Nyan Win ha riferito che intorno alle 5 e 30 della mattina erano arrivate le auto della polizia e che gli agenti le avevano letto l'ordine di scarcerazione. "Ora è libera", ha detto davanti alla folla. La leader birmana è uscita e ha salutato. Guardando il suo volto sulle magliette, nei cartelli e nelle foto tra le mani delle persone. "Dobbiamo lavorare insieme, all'unisono, per raggiungere il nostro obiettivo", ha detto. E poi ha invitato i suoi sostenitori a tornare domani, quando farà il suo primo discorso dopo la liberazione. Poche parole, le altre le dirà domani, ma saranno la prova dell'ennesima lotta. Perché San Suu Kyi ha rifiutato il divieto delle autorità di tornare a parlare dopo la liberazione. Così, subito dopo quello che è stato solo un omaggio ai suoi sostenitori, è rientrata in casa accompagnata da funzionari del suo partito, la Lega Nazionale per la Democrazia (Lnd). Significativamente, le forze di sicurezza birmane non sono intervenute per disperdere la folla, cosa piuttosto rara nel Paese. Dove le televisioni oggi affermano che Aung San Suu Kyi è stata liberata per buona condotta. "Aung San Suu Kyi si è comportata bene", è stato detto in tv spiegando che la dissidente "ha ottenuto un'amnistia per l'insieme della sua pena". (La Repubblica)

6 Commenti per "AUNG SAN SUU KYI .... LIBERA!"
Hanno commentato : discorso AUNG SAN SUU KYI (1) | rinalba (1) | vittoria (1) | lo sciamano (1) | Giuseppe (1) | Finanziamento (1) |
Finanziamento ha detto:
05 Dicembre 2015 alle ore 11:53:24

Ottenere i crediti in qualsiasi affidabilità
Ciao
State cercando un prestito per l'attuazione del vostro
progetti o per consolidare i tuoi debiti. non esitate a contattarmi
Per ulteriori informazioni sulla mia offerta. Voglio dirvi che io
sono disponibili per aiutarvi nei vostri problemi di applicazione di prestito:

* file banca accettare
* Finanziamento
* Immobiliare prestiti
* Gli investimenti
* Auto prestito
* Consolidamento del debito
* Linea di credito
* Seconda ipoteca
* Riscatto credito
* Personali prestiti

Contatti: in maillot1800@gmail.com

Finanziamento (10 commenti inseriti)
lo sciamano ha detto:
15 Novembre 2010 alle ore 08:23:57

Perchè non facciamo uno scambio Berlusconi in Birmania e AUNG SAN SUU KYI in Italia!!!!!! Cari Birmani farete un grande guadagno, perchè Berlusconi è quello che dice la verità, per cui i giornali non sono da leggere, le Tv da non guardare, bisogna ascoltare lo sciamano che dice come stanno le cose. Ma gli italiani sanno pensare con la propria testa o si affidano, come gli indiani d'America di una volta, allo stregone dei tempi nostri?
Scusate Birmani!!!!!

lo sciamano (1 commenti inseriti)
rinalba ha detto:
14 Novembre 2010 alle ore 18:23:54

Una piccola grande donna ha mandato un grande messaggio a tutti i popoli, compreso il nostro.
facciamo in modo che il suo sacrificio, di lunghissimi anni di prigionia non siano stati vani e riprendiamoci la nostra democrazia , la nostra libertà ,il nostro senso del sociale minacciati da più parti ....."DIFENDIAMO IN TUTTE LE SEDI CIO' CHE è GIUSTO" .

rinalba (417 commenti inseriti)
discorso AUNG SAN SUU KYI ha detto:
14 Novembre 2010 alle ore 12:17:37

Non perdete la speranza", ha esortato la folla. "C'è democrazia quando il popolo controlla il governo. Accetterò che il popolo mi controlli", precisando: "Dovete resistere per quello che è giusto". L'icona della dissidenza birmana ha bisogno del suo popolo e ha detto di "non temere le responsabilità", aggiungendo di "avere bisogno dell'energia della popolazione" e che ha intenzione di lavorare "per migliorare il livello di vita" in Birmania.

"Anche se non siete interessati alla politica, la politica verrà da voi. Dovete impegnarvi - ha proseguito - per difendere ciò che è giusto". Del resto, ha sottolineato la leader dell'opposizione, "non credo che l'influenza e l'autorità di una sola persona possa far progredire un Paese. Una persona da sola non può fare qualcosa così importante come portare la democrazia a un paese". E poi, ha proseguito, "se il mio popolo non è libero, come potete dire che io sono libera? Nessuno di noi è libero".

La sua è una volontà di ferro. "Ho ascoltato la radio per sei anni - ha dichiarato - penso che è bello poter sentire ora dal vivo le voci delle persone". Le sue parole sono senza vendetta, senza rivendicazioni per la prigionia degli ultimi 15 anni, senza rabbia. La lotta per la democrazia deve partire coerente e lucida. "Gli ufficiali della sicurezza mi hanno trattato bene - ha tranquillazto tutti -. Voglio chiedere loro di trattare bene anche il popolo". Suu Kyi ha anche fatto riferimento alle sanzioni internazionali imposte dall'Occidente contro il Myanmar. "Questo - ha dichiarato - è un momento in cui la Birmania ha bisogno di aiuto. Abbiamo bisogno dell'aiuto di tutti, delle nazioni occidentali, di quelle orientali, di tutte".
da "Repubblica" 14 .11.2010

discorso AUNG SAN SUU KYI (1 commenti inseriti)
Giuseppe ha detto:
14 Novembre 2010 alle ore 07:43:31

Grande e rivoluzionaria questa massima!

Giuseppe (704 commenti inseriti)
vittoria ha detto:
13 Novembre 2010 alle ore 20:17:49

Finalmente!!! Il coraggio forse non sempre è premiato, ma la Verità non si può cancellare; fa paura agli ingiusti

vittoria (106 commenti inseriti)
Lascia il tuo Commento
Attenzione : tutti i campi contrassegnati con il simbolo (*) sono obbligatori.
Nome (*)
Email

Commento (*)

Anteprima del commento