Nella stessa categoria ...

Categorie Blog

Archivio Blog

Ultimi Blog Commentati

Ultimi Commenti Inseriti

Add to Technorati Favorites

Proverbi e modi di dire della Sardegna

27 Giugno 2008 - Categoria Società
Autore Giuseppe

Mi rendo conto, carissimi lettori del sito auser.sardegna.it,   che il nostro blog  può essere uno strumento straordinariamente efficace per richiamare alla nostra memoria ed a quella di tutti il ricco patrimonio di saggezza e di cultura contenuto nei proverbi sardi e nei modi di dire della nostra comunità.

Proviamo a mettere insieme le nostre conoscenze, i ricordi. Le nostre sedi dislocate nei vari territori della Sardegna potranno offrirci un ricco spaccato di questo patrimonio. In queso modo, forse, scopriremo  che ci sono differenze anche all'interno delle Comunità della nostra Isola.

Se il risultato della nostra ricerca sarà sufficientemente ricco, potremo pensare alla pubblicazione dei contenuti, che emergeranno dalla nostra ricerca.

Vogliamo cimentarci?

47 Commenti per "Proverbi e modi di dire della Sardegna"
Hanno commentato : Giuseppe (14) | rinalba (7) | ANDREA (6) | paola (5) | anna (2) | Francischina (2) | MARTA (2) | mariellla (1) | Giusppe (1) | andrea c. (1) | Barore (1) | francesca (1) | Mimma (1) | Lupus in Fabula (1) | vittoria (1) | alisa (1) |
andrea c. ha detto:
26 Ottobre 2010 alle ore 21:59:34


"sa minestra prus saboria si pappat de sa pingiara beccia....."

andrea c. (1 commenti inseriti)
Andrea ha detto:
10 Maggio 2009 alle ore 23:46:44

Piu' che in fiore ci sono le olivine.......
- legare Alisa giammai rischio di rovinare in albero....
per le foto non manchero'......devo solo trovare a chi spedirle .....come sempre mi appoggiero' al for president.

Andrea (62 commenti inseriti)
rinalba ha detto:
09 Maggio 2009 alle ore 14:56:34

Bravo Andrea,
i vostri ulivi sono meravigliosi , maestosi e imponenti e meritano veramente di essere conosciuti....Adesso dovrebbero essere n fiore o sbaglio? fai una macro ai fiori dell'ulivo e mandala alla galleri....
Se ci riesci, lega Alisa ad un albero e così per un giorno riuscirà a stare ferma!!!!ihihihihihih!!!!!
Ciao e a presto

rinalba (417 commenti inseriti)
Andrea ha detto:
09 Maggio 2009 alle ore 12:48:47

io non di certo , per quest'anno faro' il turista....che arrivera li' per caso.....forse...ne approffittero' per fare delle foto ai meravigliosi ulivisecolari.....UN INVITO A TUTTI  se potete venite a vederequesti ulivi  splendidi i loro  tronchi  maestosi  parlano  da soli.... e per finire uno spuntino a base di salsiccia e olivepane di grano ,un buon bicchiere di vino...buon divertimento....... e tanti scatti....

Andrea (62 commenti inseriti)
rinalba ha detto:
09 Maggio 2009 alle ore 07:49:50

Alisa è troppo facile.... anche perchè a quella persona di nostra conoscenza piace da morire farlo in ogni occasione...se poi c'è la possibilità di fare dolci non c'è bisogno neanche di chiederglielo!!!!
PER UNA VOLTA FAI IN MODO CHE QUELLA PERSONA STIA UN PO' TRANQUILLA e FACCIA SOLO LA COORDINATRICE dei lavori.
Buona giornata per oggi e attenta alle zecche!!!!!

rinalba (417 commenti inseriti)
alisa ha detto:
08 Maggio 2009 alle ore 21:03:57

Per Andrea
INDOVINA INDOVINELLO!
CHI SARA' ANCHE QUEST'ANNO A S'ORTU MANNU DOMENICA
A FARE L'ASINELLO?

p.s.anche sabato.........

alisa (33 commenti inseriti)
Andrea ha detto:
07 Maggio 2009 alle ore 23:09:12

la cruna dell'ago........

Andrea (62 commenti inseriti)
Mimma ha detto:
07 Maggio 2009 alle ore 23:00:07

Salve a tutti, indovinate un pò questo...............

Pilu pilu alza l'anca e ti la infilu.............cos'è

Andrea, non è il vuoto ma bensì il B..O continua a pensare..............

Mimma (207 commenti inseriti)
Andrea ha detto:
07 Maggio 2009 alle ore 22:40:37

Riflessione= piu' ne togli e piu diventa grande......
mi viene in mente il VUOTO.........

Andrea (62 commenti inseriti)
Giuseppe ha detto:
06 Maggio 2009 alle ore 21:10:07

E bravo, Andrea!
Prova ad indovinare questa: Più ne togli e più diventa grande!

Giuseppe (704 commenti inseriti)
Andrea ha detto:
06 Maggio 2009 alle ore 19:43:36

salve a tutti.........la soluzione dell'indovinello è.........traduzione...E' una femminuccia che si mangia l'anima da sè stessa....SA STEARICA....(la candella)

Andrea (62 commenti inseriti)
Giuseppe ha detto:
05 Maggio 2009 alle ore 08:39:26

Andrea ... ho pensato a lungo alla soluzione ... Non l'ho trovata. Mi arrendo!

Giuseppe (704 commenti inseriti)
ANDREA ha detto:
04 Maggio 2009 alle ore 21:05:48

-A su pei de su popiru ddi andat dogna crapitta.
(al piede del povero stà bene ogni )
-Axina cotta e mur'è arru',dogna cosa a su tempus suu..
(uva mattura e more, ogni cosa a suo tempo)
INDOVINELLO ?
-Est una femminedda chi s'indi pappat s'anima issa e totu..
datemi la soluzione......

ANDREA (62 commenti inseriti)
anna ha detto:
29 Aprile 2009 alle ore 19:09:51

amigu a taula..frade a bisonzu..
gli amici a tavola..i fratelli nel momento del bisogno

anna (160 commenti inseriti)
anna ha detto:
29 Aprile 2009 alle ore 19:07:39

no caghes funtana chi no bi torrese..
non cagare la fontana dove potresti tornare
bisogna tenere buoni tutti affinche in futuro nn si abbiano problemi..

anna (160 commenti inseriti)
paola ha detto:
12 Luglio 2008 alle ore 07:23:07

Vitto’ questo invece me l’ha scritto il "falchetto presidente" chiedendomi di dedicartelo come messaggio beneaugurante:

“nisciunu si ridia di lu me’ dolu, ’chì candu lu meu è vecciu lu soiu è nobu!”

paola (722 commenti inseriti)
rinalba ha detto:
08 Luglio 2008 alle ore 20:01:44

Chi love a tésc-ta all'ose perde a lescia e u son.
chi lava la testa all'asino perde lisciva e sapone.


chi sa fo sa cumandò.
chi sa fare sa comandare

chi semen-e agugge ache^ugge panferi.
chi semina aghi, raccoglie picconi.

Chi da gallin-a nasce cunvégne ch'u rasc-pe.
chi nasce dalla gallina,conviene che raspi

rinalba (417 commenti inseriti)
paola ha detto:
08 Luglio 2008 alle ore 06:02:58

Su frashtimu ettadu in donu
faghet su jiru et torrat a su padronu.

La bestemmia buttata in dono
fa il giro e ritorna al suo padrone.

paola (722 commenti inseriti)
Giuseppe ha detto:
07 Luglio 2008 alle ore 18:15:49

Variante Logudorese della Filastrocca:

Custu est su polcu (pollice)
Custu l'hat moltu (indice)
Custu l'hat brujadu (medio)
Custu si l'hat manigadu (anulare)
A su minoreddu non ne l'hana lassadu (mignolo)

Giuseppe (704 commenti inseriti)
MARTA ha detto:
07 Luglio 2008 alle ore 15:34:46

Ecco la variante campidanese della filastrocca, utilizzando sempre le dita della mano..

Iniziando dal pollice:

Kustu è su procu
Kustu da mottu
Kustu dada abruschiau
Kustu si da pappau
E a pittirrinchinu nudda
Poitta adi scoviau.

MARTA (68 commenti inseriti)
rinalba ha detto:
05 Luglio 2008 alle ore 19:55:02

una filastrocca per imparare i nomi delle dita

Diu marmèllu (mignolo)
sc-pusa anéllu (anulare)
diu de sc-po ( medio)
lècca murtò ( indice)
sciacca pighèuggi ( pollice)

dito mignolo
anello di sposa
dito di spada
lecca mortaio
schiaccia pidocchi



una ninna nanna

Fa la ninna ca te cantu
te cantu 'na cansùn
te cantu 'na cansùn
ch' a l'è du gallu e du capùn
du capùn a da: gallin-a
dormi,bella,inta to chin-a
inta chin-a inta chinétta
de Sant'Anna benedétta.

rinalba (417 commenti inseriti)
rinalba ha detto:
05 Luglio 2008 alle ore 19:31:48

Qualche proverbio calasettano:

A belléssa a nu fa buggì a pignatta.
la bellezza non fa bollire la pentola

a butte a da u vin ch'a l'hadrentu.
la botte da il vino che ha dentro

A ogni oxellu u so niu u può bellu
a ogni uccello il suo nido sembra bello

Amù de zuentù fèugu de paggia
Amoe di gioventù fuoco di paglia.

rinalba (417 commenti inseriti)
francischina ha detto:
04 Luglio 2008 alle ore 18:09:34

Su poddigheddu
su'e s'aneddu
su'e su dighidale
su conta dinare
su mazza prioghu

Din don dan
Din don dan
Chi est su mortu?
Ciu Cuccuele!
Chie l'at mortu?
Sa muzzere!
E chin ite?
Chi sa trudda...
Cittu, cittu
ca non b'at nudda!

E' l'istoria di Franziscu
i jpaddi portha un piccu
pa cabà tuttu lu bischu
a ca no poni afficcu.
Ha isthudiaddu a prufissori
sott, a l, ari d, Antuninu
poi allisgendi a monsignori
ha sighiddu lu camminu.
La puritiga li piazi
si traiffiri in cuntinenti
curri curri chena pazi
finz, a sobra a presidenti.
Pa no dalli un bedd'encomio
cu l'ischusa d'un macchini
l'ani abesthu un manicomiu
ma lu saivani i missini.
Quindi attacca a fa buriana
si difendi cu li denti
ma passadda l'è la gana
s'è dimissu presidenti.
Abà è a vidda sinadori
e si agguanta li maranni
so pa tutti li durori
acchi campa pa zent'anni...


Serra serra
palasa a terra
palasa a muru
su sorighittu
intro a su muru


Santu Giuanneddu
Santu Giuanneddu
bae e boladicche
e battimi s' aneddu .



francischina (2 commenti inseriti)
rinalba ha detto:
03 Luglio 2008 alle ore 17:09:59

Sa marighedda calada in funtana finzasa accandu non si segada.
La brocca a furia di scendere nel pozzo si rompe.
Ogni cosa ha un limite!!!

su mraxianni perdidi sa cua ma non su viziu
la volpe perde la coda ma non il vizio.

pilloni che non biccada adi giai biccau.
chi non mangia ha già mangiato

Arquentu fumosu acqua teneu nosu!
Se l'Arquentu ha la nuvola sulla testa pioverà!

rinalba (417 commenti inseriti)
rinalba ha detto:
03 Luglio 2008 alle ore 17:02:18

Fueddu de sroga pò d'intendi nura.
mandare indirettamente un "messaggio".

rinalba (417 commenti inseriti)
Giuseppe ha detto:
03 Luglio 2008 alle ore 16:32:40

A caddu toccadu sedda li pittigat

A cavallo ferito gli pizzica la sella.
Avere la coda di paglia.

Giuseppe (704 commenti inseriti)
Giuseppe ha detto:
02 Luglio 2008 alle ore 22:18:17

So soddu minore piena sa buscia

Le monetine riempiono la tasca.

Giuseppe (704 commenti inseriti)
Giuseppe ha detto:
02 Luglio 2008 alle ore 22:16:56

Bellissima, Marta, la filastrocca!
Certo che valgono anche quelle!

Giuseppe (704 commenti inseriti)
MARTA ha detto:
02 Luglio 2008 alle ore 22:13:59

Valgono anche le filastrocche??
Questa mi ricorda la mia infanzia....

A Casteddu si narada:

Babbaiola babbaiola
Piga su libru e bbai a scola
Piga s’aneddu e bbai a sposai
Babbaiola pes’a bbolai.

MARTA (68 commenti inseriti)
Francischina ha detto:
02 Luglio 2008 alle ore 15:40:27

L’eba n’anda finze lu macchini:
l’acqua pulisce ogni cosa, elimina anche le idee pazze.


Ca nò ha faccia nò campa:
chi non sa chiedere non ottiene nulla.


A primma fammi tuttu è bònu:
a primo appetito ogni cosa è buona.

La fammi nò ha lèggi:
nessuna legge vale contro la fame.

Francischina (2 commenti inseriti)
Giuseppe ha detto:
02 Luglio 2008 alle ore 07:21:02

Lu piccadu di la linga è lu primu chi si piegni

Il peccato della lingua è il primo che si piange.
Bisogna parlare con prudenza

Giuseppe (704 commenti inseriti)
Giusppe ha detto:
01 Luglio 2008 alle ore 21:14:39

Cara Paola, tu dimmi il periodo ed io, che, come tu sai, ho ... santi in paradiso ..., provvederò!

Giusppe (2 commenti inseriti)
vittoria ha detto:
01 Luglio 2008 alle ore 19:37:47

Proverbi sassaresi:
a lu pobaru facci mannu l' ilimosina si ni nega
al povero sfacciato si nega l'elemosina

Amiggu di tazza, amiggu di fezza:
le amicizie d’osteria sono amicizie di bassa lega.

Ca anda cu lu zoppu a l’annu è zoppu e mezzu:
chi va con lo zoppo impara a zoppicare : dopo un anno è zoppo e mezzo.

E’ andèndi che la mancia di l’òzu :
più va e più si allarga come la macchia dell’olio.

Dugnunu anda cu lu so annèttarècci:
ciascuno ha i suoi scopi reconditi.

Basgià a pizzigghi e a mossu:
baciare con grande affetto.

Lu bisognu fazi la vèccia a truttà:
il bisogno fa correre la vecchia.

Bocca sarradda… nò v’entra moscha:
chi tace non sbaglia mai. Lett. nella bocca chiusa non entrano le mosche.

Ca ha cabbu più ni pònghia:
chi ha giudizio più ne metta.

Ca nò ha cabbu aggia anchi:
chi dimentica, ho è distratto, supplisca con le buone gambe. Chi non ha idee, supplisca lavorando fattivamente.

In caminu s’accònza lu barriu:
lungo la strada si sistema il carico, si perfeziona l’opera.


Ca campa cantendi, mori cagghèndi:
chi conduce una vita spensierata muore nel sudiciume.

Ca campa migliurèggia e ca mori frazzigghèggia:
chi vive migliora il proprio a differenza di chi muore che marcisce.

Cani no magna cani:
tra persone di bassa lega non si bisticcia

vittoria (106 commenti inseriti)
paola ha detto:
01 Luglio 2008 alle ore 05:58:48

A Santu mudu no si faghet feshta.

A Santo zitto non si fa festa.

Sottintende che se vuoi qualcosa devi chiederla.

paola (722 commenti inseriti)
paola ha detto:
01 Luglio 2008 alle ore 05:56:39

Giuse' del detto sassarese che citi, io conosco la variante che dice
- Faraddi li candareri, a fora li brajeri-
che tradotto significa
- Scesi i candeleri, fuori i bracieri -
( come si usava anticamente, ma neppure tanto perchè è un usanza che ho conosciuto e non sono molto "antica") .
Che significa appunto che solitamente dopo (e speriamo molto dopo...) il ferragosto, il tempo peggiora e si inizia ad accendere il fuoco per riscaldare la casa.
Quindi la differenza sta nel fatto che io il tempo lo faccio peggiorare dopo ferragosto, non durante... anche perchè, dopo il 15 Agosto, vorrei farmi ancora qualche giorno di vacanza... Per cui, per favore, in mia vece, inizia a rivolgere domanda a chi sai tu!!!

paola (722 commenti inseriti)
Giuseppe ha detto:
30 Giugno 2008 alle ore 21:19:26

A la faradda de li candareri ... a fora li brajeri...

Proverbio Sassarese:
(Letterale) Alla discesa dei Candelieri, preparatevi i braceri!

(Traduzione libera) Subito dopo Ferragosto finisce il bel tempo estivo, ed iniziano i primi freddi autunnali ed invernali...

Giuseppe (704 commenti inseriti)
paola ha detto:
30 Giugno 2008 alle ore 06:28:02

Kie a ushtimu ishtada peshdede o konquishdada.

Chi arriva alla fine ci guadagna o ci rimette.

paola (722 commenti inseriti)
Giuseppe ha detto:
29 Giugno 2008 alle ore 22:41:02

A su bisonzu connosches s'amigu

L'amico si conosce nel bisogno.

Giuseppe (704 commenti inseriti)
Barore ha detto:
29 Giugno 2008 alle ore 20:39:02

Proverbio antichissimo dei sardi che riguarda l'ospitalità.

Sa domo est minore, su coro est mannu.
La casa è piccola, il cuore è grande.



Barore (1 commenti inseriti)
Giuseppe ha detto:
29 Giugno 2008 alle ore 11:24:41

Orriu 'e ainu no pigat in chelu
I ragli dell'asino non arrivano in cielo
Si dice anche:
A paraulas maccas, origias surdas
Oppure:
A parauri macchi, arecci sordi
A parole sciocche, orecchie sorde.

Giuseppe (704 commenti inseriti)
Giuseppe ha detto:
28 Giugno 2008 alle ore 13:12:53

Preideru mortu, cadrea leada

Prete morto, sedia occupata
Da intendersi, credo: quando uno per qualsiasi motivo abbandona il proprio ruolo, immediatamente quel posto viene occupato da altri ...

Giuseppe (704 commenti inseriti)
mariellla ha detto:
28 Giugno 2008 alle ore 06:17:54

Muzere bella, maridu corrudu.
Moglie bella, marito cornuto.

Ghie perdei sa muzere injustizia non si narat corrudu.
Chi perde la moglie quando è alle prese con la giustizia non può chiamarsi cornuto.

mariellla (1 commenti inseriti)
Giuseppe ha detto:
27 Giugno 2008 alle ore 19:41:27

Chie non mori de tronos morit de lampos

Chi non muore a causa dei tuoni muore a causa dei lampi.
Cioè, c'è sempre un buon motivo per morire.

Giuseppe (704 commenti inseriti)
Lupus in Fabula ha detto:
27 Giugno 2008 alle ore 16:19:09

Si abba in su mostalzu pistas abba est et abba istat

Se pesti acqua nel mortaio acqua è e acqua resta o meglio non perdere tempo a cercare di cambiare il modo di fare di persone stravaganti

Lupus in Fabula (32 commenti inseriti)
francesca ha detto:
27 Giugno 2008 alle ore 15:36:13

A banca e a muzere accostadili bene.
Alla tavola e alla moglie accostati bene.

Riu mudu, trazadore. Rio muto, trascinatore

Fuire dai su fumu et ruere in su fogu. S
fuggire il fumo, e cadere nel fuoco.

Unu pacu de fele amargurat meda mele.
Un pò di fiele rende amaro molto miele.

Dinari in buscia, e trigu in luscia.
Denaro in borsa, e grano nel granaio

Abba passada non tirat molimi.
Acqua passata non tira il mulino.
Significa che ogni cosa ha il suo tempo.

Questo proverbio è un po’ razzista:
"Bardadi de femina qui hat boghe de homine, et de homine qui hat boghe de femina".
Guardati dalla donna che ha voce d'uomo e dall'uomo che ha voce di donna.
Alla prossima

francesca (22 commenti inseriti)
Giuseppe ha detto:
27 Giugno 2008 alle ore 14:45:25

La traduzione letterale del 1° commento al blog è: la zappa ti fa passare i grilli dalla testa!

Giuseppe (704 commenti inseriti)
Giuseppe ha detto:
27 Giugno 2008 alle ore 14:30:39

Inizio io
Non bada che su zappu a chi te faghere passare su macchine dae conca!
Il lavoro rende più saggi!

Giuseppe (704 commenti inseriti)
Lascia il tuo Commento
Attenzione : tutti i campi contrassegnati con il simbolo (*) sono obbligatori.
Nome (*)
Email

Commento (*)

Anteprima del commento