Nella stessa categoria ...

Categorie Blog

Archivio Blog

Ultimi Blog Commentati

Ultimi Commenti Inseriti

Add to Technorati Favorites

A zent'anni !!!

12 Agosto 2008 - Categoria Società
Autore Giuseppe Sassu

  

  • A zent'anni !!!  (Augurio Sassarese per Ferragosto)
  • A chent'annos !!!  (Augurio Sardo del Meilogu e forse di altri territori della Sardegna)

Sarebbe interessante scoprire le tante forme di espressione augurale che esistono nelle varie realtà territoriali della Sardegna. Vogliamo cimentarci?

·   E' sufficiente ed adeguato oggi, nel 2008, fare un augurio formulato in questo modo ? Cosa direbbero tutti gli ultracentenari ?

o  In Italia gli ultracentenari sono circa 11.000 (l'85 % donne ed il 15 % uomini):

o  In Sardegna, dove c'è una zona con la più alta percentuale di ultracentenari del mondo,  sono circa 250.

·      Allora vi sembra o non vi sembra giusta la correzione che i Sassaresi hanno fatto al proprio augurio ferragostano:

·    A zent'anni !!!  Ma … da abà !!! …

(A cent'anni, ma a partire da questo momento, in poi !!! …)

Ed è proprio :- A zent'anni, ma ... da abà!!! - l'augurio che io formulo a nome di tutto l'Auser regionale a tutti voi, cari visitatori ed interlocutori del nostro sito www.auser.sardegna.it

36 Commenti per "A zent'anni !!!"
Hanno commentato : Giuseppe (13) | rinalba (11) | paola (7) | Sergio (3) | anna P (1) | MImma (1) |
Sergio ha detto:
29 Novembre 2009 alle ore 09:37:49

http://www.felmay.it/main.php?ricerca=marisa+sannia&id=8932

per il cd "Rosa de papel" e l'ascolto in anteprima dei brani.
Buona giornata a tutti.
Sergio (Cremona)

Sergio (7 commenti inseriti)
Sergio ha detto:
29 Novembre 2009 alle ore 09:32:54

ecco il sito ufficiale di Marisa Sannia, dove si possono trovare tutte le informazioni sugli ultimi lavori www.sannia.it

Inoltre lascio due link per i cd www.felmay.it www.ibs.it

Sergio (7 commenti inseriti)
Sergio ha detto:
28 Novembre 2009 alle ore 19:51:33

Mi riferisco a quanto scritto dalla sig Rinalba.
Il brano che cita di Montanaru e' "Ninna nanna a cantare", contenuto nello splendido cd Sa oghe de su entu e de su mare di Marisa Sannia del 1993; un lavoro splendido, musicato e interpretato magistralmente dalla Sannia.
Devo dire che, prima di questo lavoro, non conoscevo quest'artista.
In seguito ho scoperto su youtube dei video di lei giovane e molto carina, garbata, elegante, discreta.
Ha poi fatto uscire il cd Melagranada su poesie di Francesco Masala, anche questo lavoro si distingue per stile, eleganza e intensita'.
E' in seguito uscito "Nanas e Janas" parole e musica di M. Sannia, stessa intensita', raffinatezza, classe esecutiva e compositiva.
Rosa de papel, lavoro imperniato sulle poesie di Federico Garcia Loraca e' uscito, postumo, il novembre 2008 e....che dire, MERAVIGLIOSO!
Per chi fosse interessato icd succitati si possono acquistare nei negozi oppure on line: basta digitare nome e titolo.
Buona sera a tutti.
Sergio (Cremona)

Sergio (7 commenti inseriti)
Giuseppe ha detto:
20 Agosto 2008 alle ore 08:18:56

Per Rinalba: In estate quando il fieno è secco!!!
> A proposito dell'interloquire tra me e Rinalba, conoscete la storia di Dante e dell'uovo?
Dunque, un giorno un fiorentino incontrò Dante Alighieri e gli chiese :- Qual è il piatto migliore che tu mi consigli ?
E Dante: - L'uovo sodo!
Dopo che trascorse un anno, quello stesso cittadino incontrò nuovamente il Sommo Poeta e gli chiese: - Con che cosa ?
E Dante, senza alcuna esitazione: - Con il sale!

Giuseppe (704 commenti inseriti)
rinalba ha detto:
19 Agosto 2008 alle ore 21:12:48

Adesso si che potrò farne grandi mangiate: qui non le raccoglie nessuno....
GRazie infinite Giuseppe!!!

P.s. in che periodo sono migliori?

rinalba (417 commenti inseriti)
Giuseppe ha detto:
19 Agosto 2008 alle ore 18:11:32

Per Rinalba: quelle che troviamo attaccate a grappolo sugli arbusti, ma anche sul fieno secco, sulle spine (cardo selvatico secco ecc...) sono proprio le lumachine o "giogga minudda".

Giuseppe (704 commenti inseriti)
rinalba ha detto:
18 Agosto 2008 alle ore 09:05:18

Giusè grazie; sono praticamente quelle che io chiamo bianche ( chiare) e quelle piccole piccole che troviamo attaccate sugli arbusti come le chiamate?

rinalba (417 commenti inseriti)
paola ha detto:
18 Agosto 2008 alle ore 07:51:37

Juse' e tutta chissa jogga ca si l'ha magnadda? no è chi ti n'è avvanzadda un pogareddu? Pa li monzi pudì priguntà a Vittoria...

(Giuse' e tutte quelle lumache chi se le ha mangiate? non è che te ne sono avanzate un pochino? Per le "monache" potevi chiedere a Vittoria...)

paola (722 commenti inseriti)
Giuseppe ha detto:
18 Agosto 2008 alle ore 06:39:02

Giogga minudda - ovvero - lumaca piccola! Perciò ...

Giuseppe (704 commenti inseriti)
rinalba ha detto:
17 Agosto 2008 alle ore 22:20:50

Caro Giuseppe , delle tre foto qual'è la giogga minudda?
Buona notte Rinalba

rinalba (417 commenti inseriti)
MImma ha detto:
17 Agosto 2008 alle ore 20:31:55

Spedizioni?? Macchè io faccio un odissea per i funghi questo settembre!! Ajo, zaino in spalla, stivali, cestino sotto braccio e tanta fortuna! Fortuna anche a voi del fan Club dell'antunna ;)

MImma (207 commenti inseriti)
Giuseppe ha detto:
17 Agosto 2008 alle ore 18:21:26

Rinà, ogni Tuo desiderio è legge! ... Le immagini che tu mi hai richiesto sono nella Gallery.
Ho posizionato i lumaconi, le lumache e le lumachine in un piattino della stessa grandezza, così potrai avere anche la misura esatta delle rispettive dimensioni. Manca la foto delle "monzette", più raffinate, di color marron, come l'abito di alcune suore (monze) e con un velo bianco che chiude come un siggillo l'unico accesso all'interno del guscio.

Giuseppe (704 commenti inseriti)
Giuseppe ha detto:
17 Agosto 2008 alle ore 17:36:18

No, io rimango "testardamente ancorato" alla socializzazione, anche per i funghi!!! Perciò, organizziamo tutti insieme una missione esplorativa, partendo dal bosco di cui ci parla Anna.
Dunque, carissima Anna, ora il cerino acceso lo hai tu ... ed attendiamo che ci organizzi nel primissimo autunno

Giuseppe (704 commenti inseriti)
rinalba ha detto:
17 Agosto 2008 alle ore 16:19:37

Giuseppe puoi farmi vedere una foto di Giogga Minudda?
continuo ad avere sempre dubbi sulle lumache, lumachine e lumachette anche se ....le mangio tutte!!! Grazie Rinalba

rinalba (417 commenti inseriti)
rinalba ha detto:
17 Agosto 2008 alle ore 16:15:47

Caro Giuseppe non azzardarti ad andare per funghi senza invitarci( dandoci naturalmente il tempo per organizzarci e arrivarci)
Organizziamo una spedizione? anche se non troviamo funghi avremmo goduto della bellezza del posto e della reciproca compagnia.

Anna P.cara, se volessi andare da quelle parti quali centri ci sono vicini con alberghi e ristoranti ???


Carissima Paola , se ti do le ricette,nel blog,( una dovrebbe esserci anche se posono essere fatte delle varianti) tu non scendi mai a capo di sotto....potrei usarle quindi come ricatto; fare il cus cus poi è un'arte ed è bene vederlo fare per non fare un ibrido;scendi giù( abbiamo la comodità della casa di tuo cugino per dormire che io ho un guscio di noce di casa e gli alberghi sono pieni pieni....) e ti insegno tutto, anche l'insalata di polpo alla sant'antiochense/rinalba, che è una leccornia.

Santa pazienza cosa bisogna fare per farti prendere due giorni di riposo????

Vi abbraccio Rinalba

rinalba (417 commenti inseriti)
Giuseppe ha detto:
17 Agosto 2008 alle ore 09:02:57

Mi prenoto per l'autunno ad andare per boschi (quello indicato da Anna) alla ricerca di funghi ... Hobbie che a me piace moltissimo!!!

Giuseppe (704 commenti inseriti)
paola ha detto:
17 Agosto 2008 alle ore 07:56:24

Rinalbina carissima, considerato che le mie intenzioni rarissimamente sono seguite da conseguenti azioni e quindi, data, ma non solo, la mia pigrizia, il viaggetto al Capo di sotto, viene costantemente rinviato, perchè non mi spieghi (magari nel blog "il ricettario del'Auser") come si fa il cus cus e il ragù di mare?
Penso che anche gli altri nostri amici possano essere interessati a provare la ricetta che, grazie alla tua generosità, sarà corredata dei "segreti" per prepararla al meglio.
Buona Domenica a tutti.

paola (722 commenti inseriti)
rinalba ha detto:
16 Agosto 2008 alle ore 22:11:01

Carissima Paola,
spero che per il tuo arrivo possa preparare il cuscus o la pasta col ragù di mare...e altre cosine sfiziose;il pesce spada io non posso mangiarlo per cui farai astinenza anche te...( scherzo!!!) Alla gatta manderemo un pacchetto dal momento che per motivi di allergie non possiamo ospitarla!!!!!

Cara Anna P sapessi come ti invidio;avrei dato chissà cosa per trascorrere una giornata in montagna...oltre tutto quel bosco deve essere un luogo pieno di porcini( estivi e autunnali) e di limodorum abortivum in tarda primavera.....

C'è poco da fare, per quanto ami il mare io sono una figlia dei boschi....Ciao Rinalba

rinalba (417 commenti inseriti)
paola ha detto:
16 Agosto 2008 alle ore 19:37:44

Anna P. le foto sono nella gallery (gli altri entrino per vedere ) e penso che organizzare una gita tutti insieme sia un ottima idea perchè il rifugio è molto carino (ma la scopa per i pavimenti è in dotazione insieme ai secchi?)

paola (722 commenti inseriti)
paola ha detto:
16 Agosto 2008 alle ore 19:35:52

Cara Rinalba, ti ho pensato eccome! Mi son detta:- questa delizia qui, quando vado a trovare quella ragazza, ce l'ho assicurata!!! (La gatta vorrebbe sapere se può considerarsi invitata)

paola (722 commenti inseriti)
anna P ha detto:
16 Agosto 2008 alle ore 19:26:04

ciao Rinalba sei curiosa di sapere cosa si usa mangiare a ferragosto, di solito noi andiamo a Meana Sardo un paesino di 1800 anime nel centro della sardegna( mio paese natale)
andiamo a mangiare quasi in montagna 800 mt. è un posto bellissimo con tante sorgenti d'acqua gelate, come potrai vedere in seguito dalle foto la fontanella la si usa come frigo,è una costruzione realizzata dalla forestale,e messa a disposizione della popolazione,( chi arriva prima la occupa)
passiamo al mangiare dato che li non si può cucinare,portiamo tutto pronto, la solita pasta al forno,capretto in umido e per finire porcetto arrosto fatto nello spiedo nel caminetto,(ieri faceva piacere starle vicino)
frutta e dolci non mancano mai, poi una bella passeggiata in mezzo al bosco per favorire la digestione.Penso di non aver fatto gola a nessuno dato che siamo ancora tutti pieni,o sbaglio? (se volete siete tutti invitati)

anna P (27 commenti inseriti)
rinalba ha detto:
16 Agosto 2008 alle ore 16:39:13

Paola spero mi abbia pensata mentre mangiavi il pesce spada di quel di Calasetta....invidio la vostra pioggerellina che ho tanto aspettato ...inutilemente; in compenso un sostenuto vento di maestrale anche oggi ha rinfrescato l'aria e ...mi ha impedito di passeggiare per il mare...

rinalba (417 commenti inseriti)
paola ha detto:
16 Agosto 2008 alle ore 12:21:32

Buongiorno ragazzi! Ciao Rinalba, ciao Giuseppe!
Anch'io ho trascorso il Ferragosto in famiglia, per la precisione in quel di Usini in campagna de "la selvaggia" (mia sorella che si "carra a domo sua" le pietre strane), non ho mangiato "giogga minudda" bensì, udite udite, trance di pesce spada portato da quel di Calasetta (una delizia come poche) e mentre le arrostivamo, una pioggerellina che sapeva d'autunno ci ha costretto a tenere l'ombrello sulla testa dei "cucinieri". Altro che solleone agostano... penso che quest'anno il detto sassarese abbia trovato davvero ragione d'esistere, "acchì v'era un freddu chi ìpirìa la iatta" (la golosona! che si strusciava sulle gambe, miagolando e ronfando, con l'intento di ottenere un boccone in anteprima)

paola (722 commenti inseriti)
Giuseppe ha detto:
16 Agosto 2008 alle ore 09:11:39

Accogliendo l'invito di Rinalba, riprendiamo la tastiera ... e le attività quotidiane ...
Il Mio Ferragosto l'ho trascorso rigorosamente in famiglia ed a casa, questa volta non in sintonia con le abitudini dei Sassaresi, che prediligono fare delle grandi abbuffate nella Pineta di Platamona. Ma ho mangiato un tradizionale piatto Sassarese "LA GIOGGA MINUDDA(Non sono i lumaconi, non sono le lumache e non sono neppure le monze). Si mangiano mettendo in atto una tecnica raffinatissima: si incide con il canino la"piccola casa" della lumachina e poi con un deciso e rumoroso risucchio se ne aspira il contenuto. I più esperti riescono a mangiarne decine e decine in n solo minuto. Pochi giorni fa un rinomato ristorante della città ha organizzato, in pieno clima da Olimpiadi, una gara per chi mangiasse più lumachine in un minuto! Non ricordo il record raggiunto. C'è qualche visitatore che può darmi una mano?
Quest'anno è stato rispettato in pieno il detto Sassarese A LA FARADDA DE LI CANDERERI, A FORA LI BRAJERI (scusate il mio sassarese scarso, poichè come Paola, ho un forte ascendente del Logudoro/Meilogu!)
Il tempo è stato, infatti, molto fresco, con la minaccia, anche, di pioggia.

Giuseppe (704 commenti inseriti)
rinalba ha detto:
16 Agosto 2008 alle ore 08:01:10

Ho dimenticato di dirvi che "poesie sotto le stelle" del 13 Agosto è andata bene; buona la presenza degli ospiti , buona la sostanza.....
Personalmente sono stata affascinata dalla poesia di "montanaru" del quale ho, da anni, anche una ninna cantata da Marisa Sannia;
I nostri autori locali,(tabarkini) hanno riscosso successo, tanto più che da anni si cimentano in brani poetici; Salvatore Fulgheri, per tutti noi FRì, musica le sue poesie ottenendo delle splendide canzoni in tabarchino tra le quali una stupenda " Ave Maria che fa parte, ormai da anni, delle messe solenni cantate..
Maria Tina Biggio invece è una poetessa che ha vinto anche premi nazionali ed è apprezzata per il suo "cantare" la vita di ogni giorno e gli affetti familiari....Scrive naturalmente in Tabarkino
Sapevete che il gruppo musicale gli HUMANIORA( splendido gruppo di ricerca storica/ musicale) ha musicato e cantato una poesia di Maria Tina Biggio?

Buona giornata a tutti Rinalba

rinalba (417 commenti inseriti)
rinalba ha detto:
16 Agosto 2008 alle ore 07:41:14

Vogliamo riprendere pc e tastiera? Ferragosto è "volato" si torna a lavoro!!
Spero che per tutti sia stata una giornata serena anche se, prevedibilemente, "molto pesante".....
Cosa prevede la tradizione ferragostana(?) nelle vostre tavole?
Buona giornata Rinalba

rinalba (417 commenti inseriti)
Giuseppe ha detto:
14 Agosto 2008 alle ore 12:02:03

Interessanti, Paola, le letture semantiche del nome Traigolzu. Io penso che siano pertinenti entrambe:
-"traigare", nel senso di "trascinare", perchè pare che trascinassero catene, producendo un rumore spaventoso;
-"tragar", nel senso, appunto, come dici tu, di affondare, perchè di volta in volta precipitano in mare.

Giuseppe (704 commenti inseriti)
paola ha detto:
14 Agosto 2008 alle ore 08:42:13

"a mi la finisi ki mi parese unu traigAlzu" (e non traigOlzu) me lo son sentita dire spesso da mia madre (chissà se per "le penitenze" che le ho fatto sopportare in questa, nell'altra vita le hanno permesso di entrare in Paradiso...) ma pensavo che fosse uno dei tanti personaggi "locali", più simile ad un carrettiere per intenderci, perchè il nome deriva da "traigare" - tradotto "trascinare" -(quindi nella mia testolina infantile era qualcuno poco elegante e molto irruento). In spagnolo (ah, quei santi uomini che hanno stravolto la nostra lingua...) invece TRAGAR significa AFFONDARE per cui mi verrebbe da pensare che "su traigalzu" sia un uomo (magari deformato da qualche anomalia genetica) ingiustamente incatenato e buttato in mare durante un ferragosto in chissà quale secolo, che "il senso di colpa collettivo" fa riemergere, infuriato per l'ingiustizia subita, ad ogni anniversario, per terrorizzare gli ignoranti che l'hanno ucciso.

paola (722 commenti inseriti)
rinalba ha detto:
13 Agosto 2008 alle ore 19:19:20

HOtrovato delle notizie sulla festa dei candelieri di Iglesias,(centro medioevale di notevole importanza.) e ho pensato di condividerle con voi
Della festa dell'assunta ad Iglesias, chiamata "festa di Santa maria di mezo mese di Gosto" si ritrovano tracce fin dal XIII sec.
Festività derivante dal periodo dei romani che in agosto celebravano le "feriae consuali", festa in onore del dio Conso protettore dei campi e dei raccolti.
Sotto l'imperatore Augusto divennero feriae augusti.
Con l'arrivo del cristianesimo questa festa venne sostituita dal culto in onore della vergine dormiente.
Tutta la città era impegnata in questa festa i cui momementi salienti erano l'offerta di 8 grandi ceri da parte delle autorità civiche, dei quartieri,e delle corporazioni;
un altro momento importante era la scarcerazione di alcuni detenuti in prevalenza donne.

Per molti anni si perde traccia di questa festa per riprendere nel 1993 in seguito ( nel 1992) al ritrovamento nella Cattedrale di un candeliere che viene restaurato con l'aiuto di tutta la cittadinanza e portato in processione per ferragosto.
Nasce l'asssociazione dei candelieri che negli anni ha ricostruito 8 candelieri ( il nono e in lavorazione...)

La processione, che si snoda in un suggestivo itinerario all'interno del Centro Storico cittadino, è stata impreziosita da alcuni personaggi, in abito medioevale, rappresentanti figure caratteristiche del periodo come il Breviaiolo ed i suoi Paggi. Gli otto Candelieri (il nono, del 1500, del Gremio degli Orafi ed Argentieri è da realizzare ancora), rappresentanti l'Autorità Civica, i lavoratori di miniera, i Quartieri Storici (Santa Chiara, di Mezo, Fontana e Castello) e i Gremi dei Vigniaiuoli, Tavernai e Calzolai, e degli Artigiani e Commercianti sono, ciascuno, preceduti dal proprio gonfalone. A chiudere la sfilata dei ceri, il simulacro della Vergine Dormiente. Ogni Candeliere, alto 4 mt., pesa in media sui 300/350 kg. e sono necessari circa sedici persone per il trasporto. Ad Iglesias e in tutta l'Isola il simulacro della Vergine Dormiente viene adagiato su unapreziosa lettiga; le sue vesti sono bianche (candore) e celesti (cielo); sul suo capo sono collocate due corone, una d'oro e una d'argento, simboli del cielo e della terra; ai suoi piedi, proprio come una regina, sandali d'argento, prodotti dagli argentieri locali. Sempre ad Iglesias, e nell'area campidanese, attorno alla Vergine Assunta è tradizione mettere dei vasi di basilico a foglie piccole detto "s'afabica de Santa Maria". Tradizione, anche questa, di origine bizantina, che prevedeva la profumazione delle basiliche (dal greco basilikè = reale, perché utilizzate in principio come sede dei giudizi del re, poi, con l'avvento del cristianesimo, adibite a chiese) e anche delle reliquie, con piantine di basilico, che emanavano un intenso profumo.


La tradizione del basilico mi ricorda la nostra per la madonna delle grazie.
Buon ferragosto a tutti.


rinalba (417 commenti inseriti)
Giuseppe ha detto:
13 Agosto 2008 alle ore 18:19:05

BAE IN BON'HORA!!!!!
Vai avanti con fortuna!

Giuseppe (704 commenti inseriti)
Giuseppe ha detto:
13 Agosto 2008 alle ore 17:32:19

Complimenti, Paola! La tua nota sui Candelieri è straordinariamente ricca di notizie.

Giuseppe (704 commenti inseriti)
paola ha detto:
13 Agosto 2008 alle ore 10:03:56

Presidente, sempre pronti e vigili ! (scherzo) ma ero anch'io sul sito insieme a voi e mi sono prodigata (perdonatemi!) a dettagliarvi la nostra "Faradda" che io vivo talmente intensamente che riesco a commuovermi sino alle lacrime.
Essendo però le mie origini, per la parte paterna, logudoresi, l'augurio che preferisco è "A MEDAS ANNOS KUN SALUDU" (a molti anni con salute, perchè come dice Giuseppe, ormai i cento non spaventano più nessuno).
Buon Ferragosto a tutti

paola (722 commenti inseriti)
Giuseppe ha detto:
13 Agosto 2008 alle ore 09:42:32

Interessante la descrizione della festa laica e religiosa di Guspini per Ferragosto.
Sassari si caratterizza per una similare festa laica e religiosa, che è quella dei "CANDELIERI". Spero che Paola abbia tempo e voglia di raccontare ai visitatori del nostro sito le fasi ed il significato di questo appuntamento, che per Sassari, assume un significato straordinario.

Giuseppe (704 commenti inseriti)
rinalba ha detto:
13 Agosto 2008 alle ore 07:42:08

"a Cent'annusu cun Saludi;" o più semplicemente ad atrus annusu cun saludi che per i centenari penso sia più adeguato.
(per altri cento anni ma con salute! ad ltri anni con salute)


Questo era l'augurio che usavano i miei e io rivolgo a tutti gli auserini per " Santa Maria"; così viene chiamato il ferragosto da noi perchè a Guspini viene celebrata una grandissima festa religiosa e laica per la Madonna assunta che viene portata dalla chiesa centrale alla chiesetta situata dove prima finiva il paese e che adesso è conglobata fra palazzi di nuova generazione.
Dopo una settimmana la madonna, con un altra celebrazione religiosa viene riportata nella chiesa centrale.

Come per SS, Santa Maria, è l'occasione per il rientro in paese degli emigrati che, nonostante il caldo, mai oserebbero andare al mare e perdere un solo attimo di questa celebrazione che dura diversi giorni....

rinalba (417 commenti inseriti)
Giuseppe ha detto:
12 Agosto 2008 alle ore 21:57:38

Inizio io... !
Saludu e ... trigu meda! ...
Ti auguro salute ed un buon raccolto di grano! (Evidentemente legato alla nostra economia agro/paqstorale)

Giuseppe (704 commenti inseriti)
Lascia il tuo Commento
Attenzione : tutti i campi contrassegnati con il simbolo (*) sono obbligatori.
Nome (*)
Email

Commento (*)

Anteprima del commento