Nella stessa categoria ...

Categorie Blog

Archivio Blog

Ultimi Blog Commentati

Ultimi Commenti Inseriti

Add to Technorati Favorites

Cessate il fuoco !

07 Gennaio 2009 - Categoria Società
Autore Auser

  

NON SI PUO' RIMANERE A GUARDARE

C'è un modo per evitare il massacro di civili. C'è un modo per salvare il popolo palestinese. C'è un modo per garantire la sicurezza di Israele e del suo popolo. C'è un modo per dare una possibilità alla pace in Medio Oriente. C'è un modo per non arrendersi alla legge del più forte e affermare il diritto internazionale:

CESSATE IL FUOCO IN TUTTA L'AREA

RITIRO IMMEDIATO DELLE TRUPPE ISRAELIANE

FINE DELL'ASSEDIO DI GAZA

PROTEZIONE UMANITARIA INTERNAZIONALE

Facciamo appello a chi ha responsabilità politiche e a chi sente il dovere civile perché sia rotto il silenzio e si agisca. Le Nazioni Unite e l'Unione Europea escano dall'immobilismo e si attivino per imporre il pieno rispetto del diritto internazionale

L'Italia democratica faccia la sua parte.

Le nostre organizzazioni si impegnano, insieme a chi lo vorrà, per raccogliere e dare voce alla coscienza civile del nostro paese.

                  

ACLI, ARCI, LEGAMBIENTE, CGIL, UISP, AUSER, LIBERA, RETE LILLIPUT, Associazione ONG Italiane – Piattaforma Medio Oriente, Fondazione Angelo Frammartino, Beati i Costruttori di Pace, FIOM, CGIL Funzione Pubblica, Un ponte per…, AIAB, CIES, ARCIRAGAZZI, GRUPPO ABELE, CIPAX – Centro Interconfessionale per la pace, Donne in Nero, A Sud, FAIR, Fairtrade Italia, Forum Ambientalista, UCODEP, Rete Rediè Resch, Terres des Hommes International, Armadilla Onlus, SDL Intercategoriale,

Tavola Sarda per la pace, Azione Cattolica della diocesi di Pozzuoli,  Comitato Piazza Carlo Giuliani, Rete degli Artisti, Messina in Movimento, Comitato Pace e Disarmo Napoli, Anpi Monterotondo, Verdi per la pace Monterotondo, Giovani Comunisti, Associazione Amici del Parco, Associazione  EL Mastaba per la musica popolare egiziana, Cooperativa sociale IRENE '95, l'Ass. Scuola di pace - onlus di Napoli, Comunità cristiana di base del Cassano di Napoli, Gruppo Status.

Se poi volete vedere più da vicino, visitate   http://it.youtube.com/watch?v=ElGtM5hxN7I&feature=related

25 Commenti per "Cessate il fuoco !"
Hanno commentato : Giuseppe (6) | paola (6) | rinalba (4) | Ernesto (2) | Pacifista (2) | SARDUS PATER (2) | Poesia di Pietro Ingrao (1) | Lupus in fabula (1) | Domenica (1) |
Giuseppe ha detto:
08 Febbraio 2009 alle ore 09:21:25

Grazie, Paola, per la segnalazione. Ho subito visitato il sito http://www.avaaz.org/fr/sri_lanka_civilians che mi hai indicato ed ho provveduto ad apporre la mia firma. Credo che sia la 63.100ma. L'obiettivo è di 80.000. Coraggio, dunque, cari amici del sito, diamo un forte sostegno anche noi. La violenza e la guerra vanno contrastate ovunque si presentino, anche in Paesi lontani, come lo Sri Lanka.
Io ho avuto la possibilità di visitare quel Paese alcuni anni fa, e vi debbo dire che lì si vive una situazione allucinante!

Giuseppe (704 commenti inseriti)
paola ha detto:
08 Febbraio 2009 alle ore 05:24:04

Su questo sito

http://www.avaaz.org/fr/sri_lanka_civilians

è possibile firmare e mandare contestualmente un messaggio al Segretario di Stato Hillary Clinton affinchè intervenga contro il conflitto in corso nello Sri Lanka.

I media non ne parlano...
forse gli interessi economici sono inferiori...
ma anche lì c'è una guerra nella quale stanno soccombendo centinaia di civili, specialmente bambini.

Prendiamo le loro difese firmando numerosi.

Grazie a tutti.

paola (722 commenti inseriti)
rinalba ha detto:
21 Gennaio 2009 alle ore 21:09:43

SE QUESTO E' UN UOMO

Voi che vivete sicuri
Nelle vostre tiepide case;
Voi che trovate tornando la sera
Il cibo caldo e visi amici:

Considerate se questo è un uomo
Che lavora nel fango
Che non conosce la pace
Che lotta per mezzo pane
Che muore per un sì e per un no

Considerate se questa è una donna
Senza capelli e senza nome
Senza più forza di ricordare
Vuoti gli occhi e freddo il grembo
Come una rana d'inverno:

Meditate che questo è stato:
Vi comando queste parole:
Scolpitele nel vostro cuore
Stando in casa andando per via,

Coricandovi alzandovi;
Ripetetele ai vostri figli:
O vi si sfaccia la casa,
La malattia vi impedisca,
I vostri cari torcano il viso da voi.

Primo Levi

A tutti noi il compito di non dimenticare e divulgare...per mai più cadere nell'errore .
Ciao Rinalba


rinalba (417 commenti inseriti)
Domenica ha detto:
21 Gennaio 2009 alle ore 16:13:27

in questi giorni ho sofferto con voi il dramma dei bombardamenti a Gaza ed ora con voi condivido il valore positivo della tregua.

Domenica (13 commenti inseriti)
Ernesto ha detto:
20 Gennaio 2009 alle ore 23:27:38

Nel giorno della Memoria vogliamo parlare anche di repressione. Sono in molti a negarne l’esistenza. Noi ne vogliamo discutere per tenere viva nei lavoratori, negli studenti, nei democratici, la volontà di opporvisi. Per reprimere è necessaria sempre la forza, spesso la violenza. Rinalba ha ricordato Martin Niemoeller. Vorrei ricordare Richard Crosman, il dirigente operaio inglese, che affermava: "la libertà è sempre in pericolo e la maggioranza del genere umano ne accetterà supinamente la perdita se una minoranza non è pronta a sfidare i privilegi di pochi e l'apatia delle masse".

Ernesto (278 commenti inseriti)
rinalba ha detto:
20 Gennaio 2009 alle ore 17:24:19

PRIMA VENNERO PER GLI EBREI
" Prima vennero per gli ebrei
e io non dissi nulla perché
non ero ebreo.

Poi vennero per i comunisti
e io non dissi nulla perché
non ero comunista.

Poi vennero per i sindacalisti
e io non dissi nulla perché
non ero sindacalista.

Poi vennero a prendere me.
E non era rimasto più nessuno
che potesse dire qualcosa."

Martin Niemoeller

Fra una settimana si celebrerà il GIORNO della MEMORIA;
Spigolando fra i vari scritti su questa giornata,( voluta proprio perchè nessuno dimentichi), ho ritrovato questa poesia che secondo me è un FORTE richiamo all'unione fra le persone e la negazione del qualunquismo che non tutela nessuno ma anzi rende tutti più vulnerabili e indifesi di fronte alle follie di pochi.
Pochi versi che non hanno età e che valgono per tutte le età.

Molte regioni italiane si sono mobilitate con iniziative non solo prettamente culturali; alcune scuole hanno organizzato il viaggio della memoria.....nei luoghi dello sterminio.
E' giusto che i giovani vedano, sentano, rivivano perchè loro saranno il LORO futuro e se non sapranno non potranno evitare tanti orrori.

Vi scrivo mentre sta per avere inizio la cerimonia del giuramento di OBAMA; Spero che questo sia l'inizio di una nuova era dove tutti i popoli riescano a dialogare e dove l'uomo venga amato indipendentemente dal ruolo sociale e dal colore della pelle.

Ciao a tutti Rinalba

rinalba (417 commenti inseriti)
Giuseppe ha detto:
19 Gennaio 2009 alle ore 09:48:27

Finalmente!!! E' arrivato il cessate il fuoco. Una fragile tregua, ma pur sempre tregua!
Ma quante rovine, quanti lutti! 13 vittime israeliane, 1.340 vittime palestinesi, di cui 797 uomini,125 donne, 418 bambini!
Ed ancora, quanti drammi individuali di chi , sopravvissuto, ha conosciuto l'orrore dei bombardamenti, la sofferenza dei morti.
Ma è bello in questo momento avere lo stesso ottimismo della poetessa palestinese Fadwa Toqan, che scrive:
Un giorno l'albero risorgerà,
risorgerà l'albero,
e le fronde cresceranno contro il sole,
saranno verdi ancora una volta
e sorrideranno le foglie.

Giuseppe (704 commenti inseriti)
Giuseppe ha detto:
17 Gennaio 2009 alle ore 13:07:54

Non ci sto!
Non ci sto a rinunciare, per non apparire amico del terrorismo, a difendere bambini, donne, civili inermi, che a Gaza vengono barbaramente trucidati da una forma di violenza, che chiamano guerra, ma che ha tutte le caratteristiche di una brutale aggressione.
Dico questo alla luce di due fatti.
Il primo: la criminalizzazione di Santoro, che, nella trasmissione AnnoZero su Gaza, al di là dei toni, ha manifestato solidarietà al popolo di Gaza.
Il secondo: « Fra pochi giorni, il 27 gennaio sarà la ricorrenza dell'abbattimento dei cancelli di Auschwitz. Ed è il "Giorno della Memoria", per ricordare la Shoah (sterminio del popolo ebraico), le leggi razziali, la persecuzione italiana dei cittadini ebrei, gli italiani che hanno subìto la deportazione, la prigionia, la morte, nonché coloro che, anche in campi e schieramenti diversi, si sono opposti al progetto di sterminio, ed a rischio della propria vita hanno salvato altre vite e protetto i perseguitati. »
Il mio pensiero è questo: si può oggi condannare ciò che è successo nel passato a danno degli ebrei, ma proprio per questa ragione, e forti di questo giudizio, con forza dobbiamo condannare senza tentennamenti ciò che sta avvenendo a Gaza!

Giuseppe (704 commenti inseriti)
paola ha detto:
17 Gennaio 2009 alle ore 06:29:01

Sono di ieri due notizie molto importanti che sicuramente avete letto e sentito nei TG:
la prima è che, forse, ci sarà una tregua nei bombardamenti su Gaza;
la seconda è che l'associazione "Medici senza frontiere" chiede un'inchiesta esterna per CRIMINI DI GUERRA, avendo riscontrato sui feriti, e con certezza, le ustioni causate da bombe al fosforo, assolutamente vietate.
Ci sarebbe molto da dire su queste ultime, su chi le sta approvvigionando ad Israele, sulla sproporzione spaventosa, rispetto alla Palestina, degli armamenti e del numero di soldati impegnati nei combattimenti... Ma preferisco lasciare alla vostra attenzione e sensibilità l'argomento.
L'unica cosa che desidero, ancora una volta, evidenziare, è l'altissimo numero di civili inermi che sta soccombendo, l'altissimo numero di bambini che, se sopravviverà, dovrà vivere con il corpo devastato dalle cicatrici delle ustioni.
E si ritroverà con tanto odio nel cuore e questo mi fa temere molto...
Non si potrà pretendere, in un futuro abbastanza prossimo, che non cerchino rivalsa per quanto hanno subito e questo minerà il processo di pace al quale noi tutti ambiamo...
Insomma, è iniziata un'altra "storiaccia infinita", un altro dramma irrimediabile al quale dovremmo assistere impotenti per non essere stati capaci di imporci, per tempo, sui "signori della guerra".

paola (722 commenti inseriti)
paola ha detto:
11 Gennaio 2009 alle ore 06:03:11

Grazie infinite a Giuseppe, Rinalba ed Ernesto (ma anche a tutti quelli che l'hanno fatto senza poi comunicarlo nei commenti) per aver sottoscritto la petizione di Avaaz.Org contro l'attacco alla Palestina da parte di Israele.

Ieri, in tutta Europa, si sono tenute manifestazioni pubbliche contro gli attacchi israeliani. A Parigi la più imponente, dove neppure la temperatura polare – meno 6°– e il massiccio schieramento di poliziotti -circa 4.000- ha impedito l'appuntamento dei manifestanti nel quale hanno sfilato per la Palestina in 100mila (30mila secondo la polizia, ma comunque sia tantissimi). Molte le bandiere palestinesi, le foto di bambini uccisi e cartelli con lo slogan «siamo tutti palestinesi, siamo tutti bambini di Gaza».

E già, potremmo essere tutti come i bambini di Gaza...

Inermi e indifesi.

paola (722 commenti inseriti)
Lupus in fabula ha detto:
09 Gennaio 2009 alle ore 20:54:52

Non è odio è solo denaro e volontà di sottomettere chi possiede un bene che si vuol possedere.
La stessa scelta venne fatta dagli Stati Uniti contro l'Iraq quando venne dichiarato che si "esportava" la democrazia ma in realtà ci si voleva e ci si vuole appropriare dei giacimenti di petrolio. E anche in quel caso i civili inermi vennero massacrati e violentati a frotte ma se ne parlò troppo poco...
In Palestina che non ha i denari per le tecnologie necessarie per sfruttarle e avendole avrebbe la possibilità di competere economicamente con gli altri Stati confinanti ci sono materie prime che fanno gola ad Israele che non vuole la competizione con la Palestina perchè sarebbe molto pesante da sostenere: una sono le sacche sotterranee di gas l'altra è l'acqua e per chi non vive in paesi desertici è difficile capire quanto sia importante il suo sfruttamento. E poi c'è la costa marina e la possibilità di gestire il commercio marittimo in modo diverso...
Non è una questione razziale è una spregevole e vile questione economica.

Lupus in fabula (32 commenti inseriti)
Ernesto ha detto:
09 Gennaio 2009 alle ore 19:47:23

Ho firmato anch'io la petizione, seguendo le indicazioni di Paola, nel seguente sito che voglio ricordare: http://www.avaaz.org/fr/gaza_time_for_peace/96.php?CLICK_TF_TRACK
La risposta pervenuta è in francese, tuttavia è molto chiaro il ringraziamento per il cessate il fuoco che da ogni parte del mondo si leva con sempre più forza (Merci d’avoir signé cette urgente pétition exigeant un cessez-le-feu immédiat à Gaza). Un augurio, una speranza, una preghiera... che il buon senso prevalga. Cessate il fuoco! cessate l'odio!

Ernesto (278 commenti inseriti)
SARDUS PATER ha detto:
09 Gennaio 2009 alle ore 19:08:01

Sono molto d'accordo con te!

SARDUS PATER (59 commenti inseriti)
pacifista ha detto:
09 Gennaio 2009 alle ore 17:56:50

...... non solo a Gaza ma anche nelle guerre "dimenticate" africane e asiatiche.

pacifista (2 commenti inseriti)
SARDUS PATER ha detto:
09 Gennaio 2009 alle ore 17:40:19

Caro Pacifista, e voi, cari visitatori del sito, che ne pensate? Che la strage degli innocenti di cui parla il Vangelo sia anche questa che si sta consumando in questi giorni a Gaza?

SARDUS PATER (59 commenti inseriti)
Pacifista ha detto:
09 Gennaio 2009 alle ore 17:29:45

La guerra a Gaza
200 dei 700 morti in due settimane sono bambini.
Qualsiasi altra nazione sarebbe stata fermata e sanzionata. La drammatica storia dello sterminio ebraico, storia di tutti noi, non giustifica, ma anzi, condanna lo sterminio del popolo palestinese portato avanti da Israele.
La Palestina da giorni è in fiamme, attraversata da una guerra inumana e drammatica, che come tutte le guerre moderne vede come principali vittime i civili.

Pacifista (2 commenti inseriti)
Poesia di Pietro Ingrao ha detto:
09 Gennaio 2009 alle ore 13:44:43

PER GAZA
Guarda.
vedi come ostinate
tornano dal cielo le bombe fiorenti, e furenti
calano sulle strade,
spezzano corpi,
ardono case, testarde inseguono
gli supiti fanciulli,
gridano
cantano l'inno della morte
senza stancarsi mai ...
Chi siete,
perchè illuminate le notti,
insanguinate le vie:
perchè siete in ansia
perchè vi serve la strage degli innocenti
e forse disperate sull'esistere
tornate a cantare la gloria
dell'uccidere di massa,
affidate la pace alla morte ... Voi
così senza speranza
se soltanto
l'assassinio di massa può assicurarvi la vita
e solo le maledizioni e le lacrime
possono difendervi.
E non vedete, non sperate
altra salvezza
per l'uomo e per il figlio dell'uomo
che la morte corale.
Voi che venite da un cammino di lagrime
e ora senza lume di tregua
seminate nuovo pianto innocente.
Da lontano
vi scrutiamo impotenti:
e null'altro sappiamo
che invocare da voi l'elemosina della pace.
Noi che veniamo da lotte di secoli
condotte per tutte le terre infinite di questo globo rotondo
in cui dato a noi
fu di vivere
e sembriamo ora
solo capaci
di educarci all'indifferenza.
O scrutare allibiti.
Pietro Ingrao

Poesia di Pietro Ingrao (1 commenti inseriti)
rinalba ha detto:
09 Gennaio 2009 alle ore 08:33:53

Ho ricevuto conferma della mia firma, di qualche giorno fa, con un messaggio , in francese, dove danno notizie anche della situazione e delle necessità materiali.
Coraggio facciamo in modo di fare un grande "movimento" per la pace.

rinalba (417 commenti inseriti)
paola ha detto:
09 Gennaio 2009 alle ore 05:09:49

A Cagliari domani, Sabato 10 gennaio, alle ore 16,00, organizzata dall'Associazione SardegnaPalestina e dai palestinesi residenti nella nostra isola, c'è una manifestazione in Piazza Costituzione per:

-LA CESSAZIONE IMMEDIATA DELL’ATTACCO MILITARE SULLA STRISCIA DI GAZA;
-LA FINE DELL’EMBARGO CONTRO LA POPOLAZIONE PALESTINESE DI GAZA;
-IL CONGELAMENTO DI TUTTI GLI ACCORDI POLITICI ECONOMICI E MILITARI TRA L’ITALIA E ISRAELE;
-LA FINE DELL’OCCUPAZIONE ISRAELIANA DELLA PALESTINA.

Chi può, a sostegno del pacifismo e della democrazia, ci vada.

Ricordo agli amici sassaresi che stasera a Sassari, al Teatro "Smeraldo", alle 21, c'è la commedia in sardo intitolata "Prenetas" ("Destini"). Il biglietto d'ingresso costa solo 6 euro e parte dell'incasso verrà devoluto a favore di Emergency (e riguardo l'attività svolta da questa Associazione, credo non ci sia bisogno di delucidazioni).
Anche qui, chi può, ci vada.

paola (722 commenti inseriti)
rinalba ha detto:
08 Gennaio 2009 alle ore 22:18:57

Ancora una volta,per dirla con i Nomadi,"Dio è morto";
perchè fino a quando ci sarà un solo uomo a morire per violenza Dio/ Gesù sarà morto invano.
Io penso che ,in questo momento,sia indispensabile smettere di rimbalzare le eventuali responsabilità di chi ha sparato, di chi ha reagito ......e fare in modo che intere popolazioni cessino di vivere nel terrore e muoiano vittime innocenti.Le immagini che Giuseppe ci ha messo a disposizione parlano chiaro.

E' necessario che la Palestina trovi unità e un governo unico che abbia l'autorevolezza e l'autorità per firmare una pace duratura e allo stesso tempo togliere ad israele ogni scusa per continuare a trincerarsi dietro scuse faziose.....

Riusciremo a conoscere questa nuova realtà?

Spero che a nessuno venga in mente, a Roma, di seguire la proposta di boicottare i negozi degli ebrei romani...
E' mai possibile che si possano fare simili proposte?




rinalba (417 commenti inseriti)
Giuseppe ha detto:
08 Gennaio 2009 alle ore 21:49:35

Subito dopo la mia firma siamo arrivati a 328.046.
L'obiettivo è di 500.000 firme.
Perchè indugiate?

Giuseppe (704 commenti inseriti)
Giuseppe ha detto:
08 Gennaio 2009 alle ore 21:46:49

Paola, ho firmato anch'io la petizione nel sito che tu ci hai indicato http://www.avaaz.org/fr/gaza_time_for_peace/96.php?CLICK_TF_TRACK

Speriamo che alla fine saremo in tanti anche dell'Auser.

Giuseppe (704 commenti inseriti)
paola ha detto:
08 Gennaio 2009 alle ore 05:57:00

Sono rientrata un attimo nel sito di AVAAZ.ORG le firme raccolte sono arrivate a 291.000!

paola (722 commenti inseriti)
paola ha detto:
08 Gennaio 2009 alle ore 05:50:54

Grazie Giuse', ma davvero e col cuore. Personalmente sto seguendo la questione palestinese da molto tempo, più o meno da quando Oriana Fallaci scrisse "Insciallah" che, se non l'hai già fatto, mi permetto di consigliarti di leggere.
L'arroganza di Israele è di vecchia data, come ben sai, e si doveva arrivare al massacro di questi giorni per far si che i "media" venissero spinti ad occuparsene portando a conoscenza dell'opinione pubblica, purtroppo, solo mezze verità.

Ma è un discorso molto lungo e non possiamo affrontarlo qui.

Prima di tutto questo, c'è stata una guerriglia quotidiana, non solo psicologica, c'è stato il famigerato "muro di Gaza" (che ricordava tanto quello di Berlino), c'è stato Yasser Arafat e seppur non splendidi, i suoi, erano tempi migliori.
Se però vogliamo capire meglio le motivazioni che hanno indotto il violento attacco di questi giorni da parte di Israele, andiamoci a leggere un bell'articolo che si trova digitando nella stringa di ricerca di Google

http://www.oltreillimes.net/modules.php?name=Home&file=print&sid=651

Se poi vogliamo dire BASTA COSI' insieme ad altre 230000 persone andiamo a depositare la nostra adesione in

http://www.avaaz.org/fr/gaza_time_for_peace/96.php?CLICK_TF_TRACK.

Io l'ho già fatto.

paola (722 commenti inseriti)
Giuseppe ha detto:
07 Gennaio 2009 alle ore 21:05:13

Che dire?
Siamo ancora capaci di tanto?
Noi non possiamo stare in silenzio!!!

Giuseppe (704 commenti inseriti)
Lascia il tuo Commento
Attenzione : tutti i campi contrassegnati con il simbolo (*) sono obbligatori.
Nome (*)
Email

Commento (*)

Anteprima del commento