Tutte le News

Il Presidente Cappellacci incontra le rappresentanze del Volontariato

News del 07.02.2011

 Il Presidente Cappellacci, con accanto l’assessore del lavoro Franco Manca, ha incontrato a Villa Devoto, in un tavolo unitario, i componenti dell’Osservatorio regionale del volontariato, il presidente del Centro servizi “Sardegna solidale”, Giampiero Farru, il direttore della Caritas diocesana don Marco Lai e il presidente del Comitato di gestione dei fondi speciali per il volontariato, Bruno Loviselli. E' stato un incontro cordiale e costruttivo, finalizzato a capire le problematiche evidenziate dal volontariato sardo e ad avanzare proposte operative."La Giunta regionale intende essere promotrice di coesione sociale: un valore che, in momenti di crisi come questo, è prezioso quanto altri capitali di carattere economico", ha detto il presidente Ugo Cappellacci. "Tra gli assi portanti della nostra politica - ha precisato in apertura il presidente - vi è l’attenzione a chi dedica impegno, tempo e passione al prossimo. In questo quadro abbiamo posto in essere una serie di azioni per attivare meccanismi virtuosi, per mettere a sistema il grande mondo del volontariato sardo, per diffondere una consapevolezza del dovere di solidarietà cui ciascuno è chiamato e, soprattutto, per dare la possibilità a tutti i cittadini di partecipare e diventare soggetti di cittadinanza attiva contribuendo così alla crescita della nostra società.

Non ci limiteremo a un mero riconoscimento dell’impegno sul volontariato, ma saremo noi stessi facilitatori dell’opera di tutti i soggetti impegnati nel sociale e promotori di nuove iniziative".

Durante l’incontro anche l’assessore del lavoro, Franco Manca, che su mandato del Presidente aveva in più occasioni rappresentato la vicinanza dell’amministrazione regionale al mondo del volontariato, ha sottolineato il difficile momento che vive la Sardegna in un periodo in cui, per effetto della crisi strutturale, il tessuto sociale rischia di lacerarsi.

"Accanto alla pianificazione e all’attuazione delle politiche del lavoro – ha dichiarato l’assessore Manca - è necessario rafforzare, col coinvolgimento del mondo del volontariato, i valori della coesione e della solidarietà ed è anche la direzione verso cui intende procedere l’imminente attivazione del Master in finanza etica".

La Sardegna si colloca al secondo posto a livello nazionale per numero di volontari. Nel’Isola operano 1614 associazioni, per un totale di 100 mila cittadini coinvolti. Al conto sfuggono coloro che, singolarmente e a prescindere dalle sigle, prestano la loro attività in nome della solidarietà sociale.

Di tale realtà e dei numeri che la rappresentano si è fatto portavoce il presidente del Centro servizi “Sardegna solidale”, Giampiero Farru: “È la prima volta che ci si ritrova a un tavolo istituzionale presieduto dal Presidente della Regione; esso appare composito e per questo significativo della volontà di partire dai valori di cui le nostre associazioni sono depositarie, per cementare la coesione sociale”.

"La nostra proposta - ha aggiunto Giampiero Farru - è far sì che il valore culturale, sociale e relazionale di cui il volontariato è portatore venga sostenuto e incoraggiato anche in relazione al pesante clima sociale che si è determinato in molti comuni della nostra Isola a causa deglla triste piaga degli attentati e delle intimidazioni contro pubblici amministratori. Il volontariato può e deve contribuire a creare relazioni serene, non conflittuali, in difesa della legalità e della giustizia sociale". 

Sulle ricadute pedagogiche che l’attività del volontariato è capace di produrre soprattutto tra i giovani, ha insistito don Marco Lai, direttore della Caritas diocesana di Cagliari: “Si tratta di una giornata importante perché giunge a breve distanza dall’inaugurazione dell’anno europeo del volontariato. Ci preme insistere sulla necessità che, anche attraverso la valorizzazione del servizio civile, si infondano nei giovani i valori della corresponsabilità e dell’impegno sociale e politico, inteso nel senso più alto del termine”.

"La nostra proposta è quella di valorizzare maggiormente l'opportunità del servizio civile", ha detto don Marco Lai.

Bruno Loviselli ha evidenziato l'esigenza di riportare la normativa regionale nell'ambito di quella nazionale, in particolare per quanto riguarda il Comitato di gestione dei fondi speciali per il volontariato, proponendo altresì che l'Osservatorio apra a invitati permanenti la sua azione. La proposta di Loviselli è stata unanimemente accolta dal Presidente edai componenti dell'Osservatorio.

Ciascun componente dell’Osservatorio, oltre che condividere intenti, ha poi inteso mettere a fuoco le problematiche, anche di carattere logistico, con cui quotidianamente il mondo del volontariato si confronta. Osservazioni che, già all’attenzione del Presidente della Regione, mirano a produrre una maggiore efficacia operativa.

In questo senso sono intervenuti Emilio Garau, Maria Luisa Sari, Mirando Basciu, Giorgina Orgiu, Sergio Madeddu, Pierpaolo Campus, Antonio Francioni e Silvio Fanari.

In conclusione il Presidente Cappellacci ha assicurato: “La nostra parte sul piano istituzionale è quella di ridefinire un quadro normativo che risale agli anni ’90 e alimentare con risorse, iniziative e impegno l’azione di tutti coloro che operano nel nostro territorio.

L’Osservatorio del volontariato rappresenta la sede ideale per condividere tutti questi interventi, affinché le decisioni politiche abbiano una ricaduta capillare nella nostra società”.

Da parte del Presidente, infine, anche l’impegno a convocare entro l’estate la Conferenza regionale del volontariato e a raggiungere personalmente i presidenti delle Fondazioni bancarie affinché contribuiscano, in maniera sempre più incisiva, alle attività messe in campo dalle associazioni in Sardegna.

Un incontro fruttuoso e concreto, secondo il parere di tutti i partecipanti.

Guarda il video al seguente link:

http://www.regione.sardegna.it/xml/getpage.php?cat=7873