Tutte le News

7 milioni di ore di volontariato

News del 16.09.2015

L’Auser ha presentato i dati del primo Bilancio Sociale, fotografia di un Paese dove cresce la voglia di partecipazione degli anziani. Quasi 600.000 le persone coinvolte, 17 milioni i chilometri percorsi dai volontari per aiutare chi sta peggio Nel paese più vecchio d’Europa con il 27,4% della popolazione che supera i 60 anni, una percentuale che nel 2050 arriverà al 38.7%, e con 16,6 milioni di pensionati, gli anziani non ci stanno ad essere messi in un angolo e rivendicano un ruolo attivo nella società. Vogliono partecipare, impegnarsi in aiuto a chi è più fragile e per la tutela dei beni comuni, vogliono conoscere, apprendere cose nuove, sentire la propria vita ancora piena e attiva. I dati del primo Bilancio Sociale Auser raccontano di una consistente fetta d’Italia dai capelli grigi impegnata nel volontariato e desiderosa di rimettersi in gioco con quasi 7 milioni di ore di volontariato espresse in un anno. Numeri che raccontano di uno spaccato d’Italia over 60 che vuole contare di più e lanciare una sfida quella di un grande cambiamento culturale: una nuova idea di invecchiamento, attivo e propositivo dove le persone guardano al futuro. L’Auser emerge come grande “casa ” della solidarietà diffusa in tutto il Paese (1500 le sedi), rivolta soprattutto agli anziani, ma sempre più aperta ai giovani e alla positiva contaminazione con altre generazioni e altre culture. Un’associazione per l’Invecchiamento Attivo. Gli iscritti all’associazioni sono quasi 305.000 con una componente femminile rilevante, il 51,71% . I volontari sono 45.263, di questi il 48,21% è rappresentato dalle donne. “I numeri che presentiamo con questo primo Bilancio Sociale – ha sottolineato Enzo Costa presidente nazionale dell’Auser – rappresentano quel pezzo di Economi Sociale che l’Auser ha realizzato nel corso di un anno; un’economia che contribuisce a dare risposte concrete alla domanda di servizi rivolti soprattutto alle persone anziane, ma non solo. Vogliamo testimoniare con la forza di questi numeri l’impegno civile e sociale che da 25 anni l’Auser porta avanti in tutta Italia, rendendo conto del nostro operato ai nostri soci, agli utenti dei nostri servizi, alle istituzioni”