Tutte le News

Auser: Direttivo Nazionale

News del 06.02.2008

  

COMUNICATO STAMPA

RIGENERARE LA POLITICA E DARE RISPOSTE CONCRETE

In occasione del Comitato Direttivo Nazionale l'Auser esprime la sua preoccupazione

per la crisi politica e lancia le prossime sfide

Roma, 5 febbraio 2008

L'Auser Nazionale in occasione del primo Comitato Direttivo del 2008, che si è tenuto a Roma il 5 febbraio, ha espresso forte preoccupazione per la crisi politica in atto e gli scenari ad essa collegati, "instabilità e incertezza non fanno bene al Paese e ai bisogni dei cittadini" ha detto il presidente Nazionale Michele Mangano, introducendo i lavori.

"La crisi politica blocca qualsiasi possibilità di riequilibrio di giustizia sociale e apre una fase di incertezza che diventa insicurezza e preoccupazione. Gli effetti della crisi politica avranno una forte ricaduta su provvedimenti che dovevano essere approvati nel corso di questa legislatura. Penso alla riforma elettorale, al federalismo fiscale, alla riforma della Rai, al conflitto d'interessi, rimasto per l'ennesima volta ancora sul tavolo.

"Anche per il mondo dell'associazionismo – ha proseguito Mangano- gli effetti negativi appaiono evidenti. A partire dall'arresto del cammino del ddl sulla non autosufficienza; del disegno di legge sull'apprendimento permanente; del blocco dell'iter previsto per le modifiche della legge 266/91; ad una impossibile e oggettiva azione per la ricostituzione degli osservatori sul volontariato e sulla promozione sociale che sono rimasti immutati anche in questi venti mesi di Governo Prodi."

Ma nonostante questo scenario difficile e pesante l'associazionismo potrebbe dare un contributo concreto "attraverso la costruzione di un documento unitario – ha evidenziato il presidente dell'Auser- con il quale dare valore e forza, attraverso i contenuti, ad una nuova etica della politica e nuova credibilità alle istituzioni.. Il Paese ha bisogno di stabilità di governo che restituisca fiducia e speranza ai cittadini onesti. Se queste garanzie non sussistono, occorre riprendere un'azione che restituisca valore alla politica".

Mangano ha inoltre evidenziato il pericolo di un "agente patogeno" che sta corrodendo i legami tradizionali della società i cui pezzi non riescono più a stare insieme e vengono sfiduciati dai cittadini, soprattutto i partiti e alcune forze sociali. "Tale agente patogeno rischia di travolgere anche le grandi associazioni del volontariato e del terzo settore, soprattutto quando in esse prevale la logica della concorrenzialità, della disgregazione e non quello della solidarietà e del conseguimento del benessere comune". Attenersi alla pratica della solidarietà concreta, al fare attraverso il dono, alla propria Carta dei Valori è la risposta concreta di Auser, rispetto all'attuale stato di disgregazione politica e sociale.

Su due temi cruciali di questo periodo: sicurezza sui posti di lavoro ed emergenza rifiuti l'Auser non vuole stare alla finestra. Intende promuovere su tutto il territorio nazionale, attraverso le proprie sedi e la rete di università popolari, campagne mirate di informazione e prevenzione, fra i cittadini e sui posti di lavoro. Anche sul versante della legalità l'Auser intende essere operativa, inserendo nella proposta didattica delle università popolari e nei circoli culturali il tema dell'educazione alla legalità. La stessa area del turismo associativo verrà coinvolta in questa sfida, organizzando viaggi in quelle regioni del Sud dove si manifestano segnali importanti di ribellione alla malavita organizzata, incontrando i giovani delle cooperative che lavorano e producono nelle terre confiscate ai mafiosi